Smontare la mozzarella per svelare l’inganno farinettiano

Una risposta

  1. Avatar Paolo ha detto:

    Non li invidio questi ricchi che possono permettersi tutti quei carissimi prodotti DOP, IGP infiocchettati il cui numero è ormai così elevato da risultare ridicolo a qualunque persona di buon senso. La tipicità agro-alimentare è la grande impostura del XXI secolo, finalizzata a sparare in alto il valore aggiunto di prodotti di nicchia, destinati principalmente all’esportazione. Sono stato alle degustazioni promosse dalla Regione Toscana e mi veniva da ridere: fagioli DOP buoni il doppio di quelli ordinari, a prezzo decuplo! Invece di dare contributi alla certificazione di tipicità, si spendano anzi i soldi pubblici per migliorare la qualità oggettiva (nutritiva) degli alimenti accessibili a tutti/e!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *