Sangue e urina: così Firenze dimentica la strage di piazza Dalmazia

Stampa l'articolo

Non sono passati ancora cinque anni dall’uccisione di Mor Diop e Samp Modou, i due senegalesi freddati mentre lavoravano al mercato di Piazza Dalmazia a Firenze, dal fascista Casseri. A ricordo, il Comune di Firenze ha messo un piccolo cippo con una targa già illeggibile, accanto c’è un enorme turbo-pisciatoio a pagamento che emana un puzzo di urina indescrivibile.

Per questo sabato 17 ottobre 2015, attivisti del coordinamento Basta Morti nel Mediterraneo, del centro sociale delle Piagge e di altre associazioni si sono recati a riordinare un po’ questo angolo che languiva abbandonato alle erbacce, alle bottigliette di plastica, all’incuria più totale. E’ stato piantato, mentre venivano lette delle poesie e i Fratelli Rossi cantavano, un melograno, delle lavande, dei gelsomini, in ricordo dei due senegalesi e di Riccardo Torregiani, l’amico dei migranti.

dalmaziaMa l’incuria non finisce qui. Un terzo senegalese, rimasto paraplegico, vittima della sparatoria, non ha un sostegno economico adeguato, una vedova è parcheggiata alla Caritas, l’altra è in Senegal, con la bambina che ha avuto una borsa di studio, ma giustamente ancora non se la sente di venire qui senza alcuna sicurezza. Però qualcosa di buono è stato fatto in Senegal, dove sono state costruite due scuole col contributo Arci e Coop a ricordo dei due fratelli senegalesi e stanno per essere inaugurate.

Il Comune di Firenze non basta che venga, con o senza gonfalone, il giorno dell’anniversario, a dire le solite parole di rito: è necessario sostenere con un lavoro dignitoso almeno le vittime, le vedove e ripensare a come sistemare in modo adeguato questo angolo, oppure a mettere un monumento a ricordo dell’eccidio fascista dentro piazza Dalmazia. Certo che il piccolo cippo in ricordo di Mor Diop e Samp Modou non può continuare ad essere trascurato e sovrastato da un turbopisciatoio puzzolente!

*Gian Luca Garetti, medico attivo in Medicina Democratica, ISDE e perUnaltracittà

La Nazione di venerdì 23 ottobre ha ripreso così la nostra denuncia

nazionedalmazia

Stampa l'articolo
The following two tabs change content below.
Gian Luca Garetti

Gian Luca Garetti

Gian Luca Garetti, è nato a Firenze, medico di medicina generale e psicoterapeuta, vive a Strada in Chianti. Si è occupato di salute mentale a livello istituzionale, ora promuove corsi di educazione interiore ispirati alla meditazione. Si occupa attivamente di ambiente, è vicepresidente nazionale di Medicina Democratica e membro di ISDE (International Society of Doctors for the Environment).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *