La stazione TAV di Firenze con meno viaggiatori di una stazione di campagna. Una follia

Una risposta

  1. Avatar Roberto Renzoni ha detto:

    ….. ecco infatti la verità che appare negli ultimi due righi del buon articolo “accordi….. da cui non si può tornare indietro”. sono gli stessi che inducono a fare le tranvie – che a Firenze c’erano già e furono smantellate per dar via a ciascuno una macchina – che altro non faranno, le tranvie, che rallentare il traffico ed aumentare l’inquinamento; esse le si fanno se si pone atto ad un potenziamento del trasporto pubblico a scapito del privato. nardella, renzi, rossi che ne dicono? auguro al Comitato di cercare quegli “accordi inconfessati e inconfessabili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *