L’odio non è un’opinione, fatevene una ragione. Sulla presenza di Salvini a Firenze

Una risposta

  1. Avatar Carlo Ballantini ha detto:

    Opportuno e condivisibile l’articolo di Cristiano Lucchi a proposito della libertà di parola e di espressione, un diritto fondamentale delle nostre democrazie ma spesso frainteso e strumentalizzato dai più forti contro i più deboli; aggiungerei alle suddette citazioni quella di K. Popper “La tolleranza illimitata porta alla scomparsa della tolleranza. Se estendiamo l’illimitata tolleranza anche a coloro che sono intolleranti, se non siamo disposti a difendere una società tollerante contro gli attacchi degli intolleranti, allora i tolleranti saranno distrutti e la tolleranza con essi.” E poii T. Todorov, il grande saggista recentemente scoparso, che ci ricorda che non vi è nessuna libertà o diritto tra quelli riconosciuti dalle nostre democrazie che possa essere inteso come illimitato, senza considerare la possibile violazione di libertà e diritti altrui, altrettanto meritevoli di tutela. Ciò vale anche per la libertà di espressione che, se esercitata senza tener conto dell’esistenza di limiti, rischia di trasformarsi in un arbitrio irresponsabile in grado di danneggiare i più deboli. E infine il teologo Leonardo Boff:“Noi affermiamo: qualsiasi tipo di tolleranza possiede sempre un limite etico che impedisce il ‘tutto vale’ e la mancanza di rispetto degli altri, che corrode le relazioni personali e sociali” (ibidem). Qualsiasi esercizio di libertà che implichi l’offesa dell’altro, la minaccia alla vita delle persone e perfino a un ecosistema (Boff fa l’esempio ambientale del “disboscamento indiscriminato”), “non deve trovar posto in una società che voglia dirsi minimamente umana”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *