La città sotto l’albero

Stampa l'articolo

Alcuni dei più grandi scrittori del secolo passato hanno provato a immaginare case e città sugli alberi, cito tra tutti Chesterton e Calvino. C’è chi si offre di vivere questa utopia e sale sugli alberi per impedirne il taglio, come in america e a Firenze. Nel Galles c’è addirittura una comunità di squatter che collegando i tronchi con ponti andini e tibetai si è trasferita a vivere tra le fronde, appellandosi ad un’antica consuetudine secondo cui chi sta su un albero è intangibile.

La vita sugli alberi dunque è un’alternativa che alcuni provano a realizzare, con scarso successo pratico ma larga eco mediatica perché da tempi immemorabili ciò che viene dagli alberi sembra avere una forza straordinaria: quante apparizioni, quante illuminazioni e quanti presagi sotto gli alberi!

Elenco brevemente ciò che tutti sanno ma che non tutti hanno ripassato in questo ordine: Eva il serpente e il frutto, Buddha, il roveto ardente, Newton e la mela, fichi olivi e sicomori nei vangeli, l’albero delle teste che predisse la morte ad Alessandro, nelle saghe nordiche l’albero nella cui corteccia si intagliavano le rune e il frassino che sorregge il mondo, i vari alberi delle streghe, le cuccagne e gli alberi della Libertà, e poi la fiaba, il fantasy… Erano alberi a cui ci si accostava, o da cui bisognava tenersi alla larga, non paletti fronzuti da infilare lungo i marciapiedi.

Senza voler tornare lacrimosamente indietro e ricordando bene che sotto quegli alberi c’erano anche resti umani, squallide maledizioni e tracce di abusi sessuali e di assassinii, si potrebbe immaginare una città che gira intorno gli alberi invece che immergerli direttamente nel cemento e disfarsene appena crescono un po’? Tempo fa un sindaco a cui piaceva apparire si fece fotografare mentre abbatteva la pensilina davanti a una bella stazione razionalista.

Tutti dovemmo ammettere che male non faceva, anche chi deprecava quei modi desunti con poca fantasia dall’estetica di Gabriele D’Annunzio e di Fiorello Laguardia, un populista di New York che inventò l’immagine del sindaco-sceriffo. La pensilina era orrenda e copriva alcuni pini bellissimi, che l’architetto aveva trovato lì da prima e si sposavano perfettamente con la stazione che era un fiore all’occhiello dell’arcihtettura fascista.

Apro una parentesi: chi dice che i fascisti hanno fatto solo palazzi brutti è un cattivo antifascista, spieghi invece perché anche quelle bellissime realizzazioni covano e diffondono il germe dell’autoritarismo e dica chiaro e forte perchè oggi è sbagliato e sospetto ispirarsi a quei modelli, come troppo spesso accade.

L’architetto aveva pensato bene di inglobare i pini marittimi nel nuovo progetto senza tenere conto delle sonore scoppole che la natura ha assestato negli anni al suo ispiratore, Lloyd Wright, i cui edifici vacillavano appena la natura che idolatrava si allargava un attimo. Il successore del Mazzolatore, che sarà di qui in avanti nomato il Mazzolatorino, ha decretato che si abbattano i pini per paura di dover pagare i danni a chi ci rimane sotto se crollano.

Una lezione per tutti, mazzolatori, mazzolatorini, archistar e archistelline: d’ora in avanti chiediamo il permesso agli alberi prima di costruirci qualcosa sopra sotto do fianco o intorno. Se passa questo principio, avremo un argine “naturale” allo strapotere del capitale finanziario che inghiotte un po’ per volta quanto abbiamo di più caro, come il Nulla della Storia Infinita.

Massimo De Micco

Stampa l'articolo
The following two tabs change content below.
Massimo De Micco

Massimo De Micco

Massimo de Micco, 1972, fiorentino, essendo cresciuto negli anni Ottanta e Novanta si ritrova una formazione psicologica, una partita iva e una ricca e variegata esperienza professionale nel campo della formazione, ma è anche illustratore,fumettista e cartoonist. Ha partecipato a iniziative culturali, sociali e politiche di varia natura, a condizione che fossero libere, solidali e auto-organizzate, dagli Studenti di Sinistra a Kykeion, da Violetta van Gogh a Black Notes, da Fuoribinario a Radio Cora. E' tra i fondatori del gruppo Palazzuolo Strada Aperta che ha dato vita in questi anni alla Book Bike e si appresta ad aprire a Firenze la Biblioteca Riccardo Torregiani.
Massimo De Micco

Ultimi post di Massimo De Micco (vedi tutti)

3 Risposte

  1. Mascia ha detto:

    ” Per me gli alberi sono sempre stati i predicatori più persuasivi. Li venero quando vivono in popoli e famiglie, in selve e boschi. E li venero ancora di più quando se ne stanno isolati. Sono come uomini solitari. Non come gli eremiti, che se ne sono andati di soppiatto per sfuggire a una debolezza, ma come grandi uomini solitari, come Beethoven e Nietzsche. [… ] Quando un albero è stato segato e porge al sole la sua nuda ferita mortale, sulla chiara sezione del suo tronco – una lapide sepolcrale – si può leggere tutta la sua storia: negli anelli e nelle con crescenze sono scritte fedelmente tutta la lotta, tutta la sofferenza, tutte le malattie, tutta la felicità e la prosperità, gli anni magri e gli anni floridi, gli assalti sostenuti e le tempeste superate. ” Herman Hesse

  2. Chitro ha detto:

    Che dire.. sono partita da Firenze tanti anni fa ormai e leggere queste notizie un po’ di male lo fa! Faccio però tanti complimenti allo scrittore, che con sarcasmo ed estrema fantasia riesce sempre a rendere bene l’idea di cosa stia succedendo, anche a chi ,come me, è lontana dai fatti. Complimenti anche per le immagini pubblicate. Continuate a scrivere e non lasciatevi abbattere dagli eventi spiacevoli e dal “nulla che avanza”!

    • Ornella De Zordo Ornella De Zordo ha detto:

      Grazie Chiara! Noi continuiamo nell’impegno preso di diffondere una buona informazione e far circolare pensiero critico…speriamo che a qualcosa serva!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *