Toscana Aeroporti: No ai licenziamenti, no al lavoro precario e sottopagato

Sono 130 i lavoratori tra Firenze e Pisa licenziati per fine appalto dalle cooperative CFT e COOPLAT: 51 a Firenze e 79 a Pisa, privi persino delle già limitate cosiddette clausole di garanzia.

Il vero padrone dei 2 aereoporti riesce così, grazie al sistema delle esternalizzazioni e degli appalti, con la compiacenza/complicità delle cooperative a:
1) dividere i lavoratori tra dipendenti diretti e quelli degli appalti e tra questi tra le varie cooperative che si dividono gli appalti.
2) scaricare le proprie crisi, ristrutturazioni e responsabilità sulle cooperative compiacenti e cosi fare il bello e cattivo tempo sempre sulle spalle dei lavoratori.

Il padrone (Toscana Aeroporti spa) fa l’appalto e alla sua scadenza le aziende appaltate (cooperative o private) licenziano prima della scadenza per non pagare il mancato preavviso.
Un sistema che garantisce lo sfruttamento e maggiori profitti a chi gestisce l’aeroporto, anche in barba a quanto ci vengono a raccontare che, con il raddoppio della pista – a parte il maggiore sicuro inquinamento – ci sarebbe l’aumento di personale.

Gli addetti lavorano tutti sotto lo stesso tetto ma hanno trattamenti e diritti diversi per poterli trattare come fossero merci e buttarli via a piacimento di padroni e cooperative.

Il governo considera occupati chi lavora 2 ore nella settimana precedente il rilevamento Istat. Come se con 2 ore alla settimana si potesse vivere! Ci bombardano tutti i giorni attraverso i mezzi di comunicazione con la ripresina e la diminuzione della disoccupazione ma noi sappiamo bene che non è vero! Che la disoccupazione è una piaga di questa società basata sul profitto e che il lavoro di poche ore alla settimana o a termine non è lavoro, ma un rinnovato modello di schiavitù e di ricatto nelle mani di padroni (pubblici e privati) e governo.

Come lavoratori dobbiamo unire le forze tra occupati, lavoratori degli appalti, precari e disoccupati contro questo sistema a favore solo del capitale e rivendicare un lavoro vero che garantisca diritti e sicurezza.

Se toccano uno toccano tutti. Dobbiamo unirci e organizzarci per difendere il nostro diritto ad un lavoro e ad una vita dignitosa.

Basta con licenziamenti e tagli. Anche in aereoporto ci vuole la ricollocazione dei lavoratori con contratto diretto e a tempo indeterminato.

Basta alle terziarizzazioni di attività contro lo smembramento che genera appalti e cooperative che sono alla base dello sfruttamento.

INVITIAMO TUTTI A PARTECIPARE AL PRESIDIO CHE SI TERRA’ IN OCCASIONE DELLO SCIOPERO DEL 2\10\2017 DALLE 11:30 ALLE 13:30 DAVANTI ALL’AEREOSTAZIONE PARTENZE DELL’AEREOPORTO DI FIRENZE


Also published on Medium.

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *