Uccisione di Idy Diene e decoro urbano: quando le fioriere sono più importanti di una vita umana

7 Risposte

  1. Tom M ha detto:

    Infatti la vittima ERA un fiorentino. Attenzione al razzismo inconscio…..

  2. Alessandro Badii ha detto:

    I nigeriani a Macerata non erano pazzi. Ma per loro non vale la regola bianco-nero che tanto piace ai leghisti e a voi che la prima cosa che andate a guardare in un fatto di cronaca è sapere di che colore è la vittima e se il carnefice non è di sinistra. Boh … a volte mi domando dove va l’intelligenza umana e il raziocinio.

    • Ornella De Zordo Ornella De Zordo ha detto:

      Al contrario dei leghisti, ma proprio al contrario, noi sottolineiamo che c’è una vena di razzismo anche inconscio che determina certi fatti. Ecco perché è importante dire che la persona uccisa era un nero, dopo che ne erano state scartate altre (non era la prima che ha incontrato); e il fatto che l’omicida non fosse dichiaratamente razzista ci dice proprio questo. Che è stata diffuso da una cultura che semina odio verso gli immigrati il concetto che la vita di un immigrato che vende accendini vale meno di quella di un bianco. Se leggi bene si dovrebbe capire.

  3. MAURIZIO PUGI ha detto:

    Scusa Enrica, ma il motociclista di pisa che ha sparato a quelli al bar? E quell’infermiere di secondigliano che ha sparato dalla finestra? E quelli che ammazzano mogli e figli? E quelli che sparano alla coinquilina perchè non ci stà? Secondo me te hai le idee confuse (o forse solo ideologicamente orientate) e cerchi di trovare un filo conduttore nel razzismo. Perchè se trovi il colpevole bianco e lo additi come cattivo, hai individuato l’elemento che fa tornare il tuo mondo ad essere in pace. Mi dispiace, ma non è così. I pazzi esistono. I criminali esistono. Il mondo è più brutto delle favolina Disney che vorresti raccontarci. I pazzi ci sono sempre stati, ma ora forse ce ne sono anche di più. Purtroppo la società è distrutta e non esiste più una comunità dove ci si riconosce e nella quale si condividono e trasmettono valori. Questo è avvenuto a causa di una trasformazione troppo veloce delle città, dei punti di aggregazione, dei metodi di scambio delle idee e ci si trova sempre più soli ed impauriti ad affrontare le difficoltà della vita. Unici compagni sono uno schermo e ignoti likers con i quali possiamo aver conferma che una idea, per pur pazza, che ci viene in mente, qualcuno la condivide in modo più o meno autentico, più o meno profondo. Per questo si impazzisce con più frequenza e c’è chi in quattro e quattr’otto si radicalizza nell’islam, chi trova un buon motivo nella gelosia, chi in motivi raziali, chi trova invece più idoneo uno sgarro o un rimprovero come validi motivi per tirare una schioppettata a qualcuno. Ma in definitiva il problema non è (solo) il razzismo, ma è che siamo sempre più divisi, soli, incapaci di dialogo e incattiviti.

    • enrica ha detto:

      Maurizio non sono d’accordo con ciò che affermi. Credo sia fondamentale distinguere e contestualizzare ogni situazione, per poterla comprendere e per agire per cambiarla. Dire che sono/siamo tutti sull’orlo della pazzia non aiuta a capire la frammentazione in cui viviamo, funzionale al mantenimento dell’ordine esistente e in cui anche il razzismo gioca la sua parte.

  1. 21 Gennaio 2019

    […] rivendicazione. È trascorso meno di un anno da quando a Firenze, dopo l’uccisione del senegalese Idy Diene il sindaco della città, Dario Nardella, spese dure parole contro i suoi connazionali che, […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *