L’altro uso. Usi civici e patrimonio pubblico. Venezia, 14-15 aprile

Stampa l'articolo

A Venezia sabato 14 e domenica 15 aprile, due giornate per difendere i beni pubblici dal titolo “L’altro uso. Usi civici e patrimonio pubblico – Dalla vendita alla gestione collettiva comunitaria“, per restituire alla comunità il diritto alla città, organizzate e promosse da Antico Teatro di Anatomia di Venezia e Poveglia per tutti.

Programma

Sabato 14 aprile

Ca’ Badoer – Calle della Lacca, San Polo 2468

10.00-13.00: LE REALTA’ FANNO RETE

3 tavoli di lavoro aperti a tutti a cui parteciperanno tra gli altri: l’ ex asilo Filangieri, Mondeggi Fattoria senza padroni, Casa Bettola, Decide Roma.

Tavolo 1. Vendita del patrimonio pubblico e trasformazione delle città. È il tavolo in cui affrontare la questione della vendita del patrimonio pubblico, del piano delle alienazioni e delle conseguenze sulla trasformazione delle città: quali strumenti per invertire la tendenza?
Coordina: Ilaria Boniburini (eddyburg.it)
Per iscriverti vai qui

Tavolo 2. Strumenti giuridici e trasformazioni istituzionali necessarie. È il tavolo in cui aggredire il rapporto con le istituzioni e confrontarsi sui possibili strumenti (usi civici, regolamenti, concessioni ecc.) per il riconoscimento della gestione di spazi pubblici da parte delle comunità di cittadini.
Coordina: Giuseppe Micciarelli (Ex Asilo Filangieri)
Per iscriverti vai qui

Tavolo 3. Autogoverno, gestione della partecipazione e sostenibilità economica. Qui si vogliono elaborare alcune linee guida per dotarsi di modelli interni di gestione delle decisioni che potenzino l’attivismo e la partecipazione mantenendo la solidità dei percorsi e delle esperienze maturate. E si vogliono affrontare il tema del lavoro e della sostenibilità economica di queste realtà in divenire ponendosi al di fuori dalle logiche del profitto e del rapporto di subordinazione tra soggetti.
Coordina: Poveglia per tutti
Per iscriverti vai qui

14.30-18.30
Confronto sui temi trattati al mattino, con il contributo di: Marco Bersani (Attac), Guido Cavalca (Ri-Maflow, via skype), Ugo Mattei (giurista), Giovanni Semi (sociologo), Maria Rosa Vittadini (docente di urbanistica).

A seguire gli organizzatori vi aspettano al MA Festival da Argo16!

Domenica 15 aprile

Campo San Giacomo dell’Orio, ore 14
Tavola rotonda: R-Esistere nella città turistificata per riflettere insieme alle realtà territoriali sull’impatto del turismo nelle loro cittàQui ulteriori informazioni.

Negli ultimi anni l’enorme crescita dell’industria turistica ha investito e trasformato numerose città e territori, producendo spesso ripercussioni negative sulla vita dei loro abitanti. Dalla precarizzazione del diritto all’abitare per la proliferazione di alloggi turistici e B&B alla svendita del patrimonio pubblico per realizzare alberghi; dalla sostituzione dei negozi di vicinato con rivendite di souvenirs alla congestione di strade, piazze e mezzi di trasporto; dallo sviluppo di infrastrutture turistiche impattanti sui livelli di inquinamento e sullo spazio pubblico (con le Grandi Navi come massimo esempio) alla creazione di lavori sempre più precari in alberghi e ristoranti. L’industria turistica rischia così di trasformare le città da luoghi di vita a luoghi di consumo, parchi tematici costretti a rappresentare se stessi e la propria identità per vendere un’esperienza al visitatore di turno.

A fronte di tali processi, si pone il problema di elaborare delle risposte collettive dal basso a difesa del diritto alla città, minacciato dall’estensione progressiva di uno sfruttamento turistico che sempre più spesso finisce per espellerci dai nostri stessi ambienti di vita. In Spagna come in Italia e in molti altri luoghi, la necessità di arginare la voracità della monocoltura turistica è fondamentale se si vuole mantenere nel proprio territorio la possibilità di una vita dignitosa, inclusiva e priva di discriminazioni economiche. Perciò vi invitiamo ad un pomeriggio di discussione sulle possibili strategie di resistenza collettiva, sulla scia di quello che i movimenti anti-gentrification hanno chiamato “the right to stay put”, vale a dire il diritto a restare. Ne discuteremo con attivisti di molte città italiane (Roma, Napoli, Genova, Firenze…) e con Daniel Pardo dell’ABTS, l’organizzazione di cittadini di Barcellona protagonista delle lotte contro la turistificazione nella città catalana.

per info: anticoteatroanatomico@gmail.com

Stampa l'articolo

Also published on Medium.

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *