Profumo di guerra a Firenze: il 13 aprile alla Fondazione Cassa di Risparmio

Stampa l'articolo

Venerdì 13 aprile nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze è stato invitato Alessandro Profumo, banchiere ed ex ministro in quota Pd, attuale Amministratore Delegato di Leonardo/Finmeccanica, azienda statale specializzata nel commercio di armi ed aereospaziale. Da venditore di armi e di morte terrà una Conferenza su Difesa e Ruolo Strategico del Know How. Si, perchè quando parliamo di Difesa, per lo Stato Italiano si tratta non di difesa vera e propria ma, come specificato nel Libro Bianco della Ministra Pinotti, di “interesse nazionale”. “Difesa” sono quindi, per lo Stato Italiano, anche l’export di armi e gli interventi militari all’estero.

Leonardo opera anche nel territorio fiorentino con la fabbrica di Campi Bisenzio (ex Officine Galileo) specializzata in puntatori militari, laser ed ottica. Questa azienda a partecipazione statale rappresenta una punta di diamante nella produzione tecnologica e militare in Italia ed in Europa. Attraverso i Piani industriali degli ultimi anni, concordati con il Ministero della Difesa, tutti orientati produzione di armi e di incremento nella distribuzione stessa, l’azienda si specializza verso il business militare, evidentemente considerato redditizio e più strategico.

E non importa che si vendano armi a dittatori, a chi sta facendo guerre, violando così anche le norme costituzionali.

La Leonardo opera in Turchia con forniture di elicotteri dal 2016 con il gruppo Augusta-Westland. Elicotteri che oggi sono operativi nei cieli del Kurdistan, della Turchia e nel Nord della Siria. Da circa un anno attraverso le partecipate Thales-Alenia Space e Telespazio ha contribuito a realizzare il primo satellite militare messo in orbita dalla difesa Turca per essere utilizzato nelle missioni militari contro la resistenza Kurda. Nel corso del 2017 e 2018 le armi italiane hanno contribuito alla distruzione indiscriminata di tutte le principali città a maggioranza Kurda nel sudest del paese, e oggi forniscono appoggio aereo alle milizie islamiste impegnate nella distruzione delle città di Afrin e nell’operazione di pulizia etnica in corso in tutto il cantone, con un numero di vittime sempre crescente.

Nel campo aereonautico e aerospaziale la Leonardo partecipa da oltre quarant’anni ai principali programmi industriali di EU e USA in campo bellico; quali costruzioni di veicoli da combattimento (Tornado, Eurofighter F-35).

Oltre alla Turchia, ottimi sono i rapporti della Leonardo anche con altri stati occupanti come Israele, partner privilegiato nel campo aereonautico, come verso l’Arabia Saudita che quotidianamente bombarda lo Yemen con armi italiane.

I nostri interessi non sono vendere morte, sono invece sostenere le organizzazioni popolari che in Kurdistan come in Palestina resistono alle occupazioni ed ai bombardamenti fatti con le nostre stesse armi. Il nostro compito oggi è quello di non tacere di fronte alle responsabilità delle nostre aziende e del nostro governo. E lo diremo forte anche ad Alessandro Profumo che FIRENZE E’ CONTRO LA GUERRA, che i suoi interessi non sono i nostri interessi.

PROFUMO DI MORTE A FIRENZE – NO ALLA GUERRA – Solidarietà con la resistenza Kurda e Palestinese

VENERDI’ 13 APRILE PRESIDIO SOTTO LA SEDE DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO – Via Bufalini, 8 Firenze
Per info e adesioni:
info@k100fuegos.org; info@cpafisud.org

*CPA Firenze Sud, Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos – Campi Bisenzio, Collettivo Politico Scienze Politiche, PerUnaltracittà Firenze, Comitato Fiorentino Fermiamo la Guerra – Potere al Popolo Firenze

Stampa l'articolo

Also published on Medium.

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *