Piazza Tasso, privata per novantant’anni. Ancora un parcheggio interrato in Oltrarno

Stampa l'articolo

Dopo la ritirata di piazza del Carmine, è la volta di piazza Tasso, oggi al centro di un progetto di parcheggio sotterraneo.

Come i lettori sanno, il Piano Strutturale di Firenze – un banchetto infrastrutturalista dove è il privato a scegliere fior da fiore tra le molteplici leccornie – prevedeva (e prevede) una gran copia di parcheggi interrati in centro città. Migliaia di metri cubi di cemento, di betoniere in transito, di automobili in centro storico; milioni di euro.

Un bando appena pubblicato sul sito del Comune conferma le scelte della paraurbanistica renziana imperniata sul dogma infrastrutturalistico: per garantire la massima appetibilità, la città storica deve essere a portata di automobile. Un modo per riempire sempre più stanze in hotel, resort e b&b.

Ma, oltre che all’industria del turismo globalizzato e sregolato, i parcheggi interrati fanno bene all’immobiliare. È un meccanismo consolidato: il semplice annuncio dell’avvio della costruzione di un parcheggio sotterraneo – qualunque sia l’esito della vicenda – rinvigorisce la rendita. Grazie alla semplice promessa di un comodo parcheggio sotto casa (anzi, sotto piazza), pied-à-terre e bilocali ad uso turistico vanno a ruba, il prezzo al metro quadro degli immobili nei pressi dell’autosilo impenna, gli affitti aumentano, gli sfratti fioccano. La selezione sociale procede alla grande.

Vediamo i punti salienti del nuovo sventramento della città storica.

Il tenore è quello classico dell’urbanistica neocapitalista, dove il Comune propone e il privato dispone. Sarà infatti l’aggiudicatario (imprese edili, società di costruzione di parcheggi o società cooperative di proprietari immobiliari) a scegliere dove, come, e quanto sventrare, poiché l’area di localizzazione del parcheggio riguarda l’intera superficie della piazza. Fatti salvi gli alberi e il giardino pubblico.

Secondo il bando, il parcheggio sarà “pertinenziale”, ad uso privato. I posti auto diverranno di pertinenza dell’unità immobiliare – sia residenziale (70%) che non residenziale (30%) –, purché situata entro un raggio di 500 metri dall’area di intervento. Merita qui ricordare la vicenda dei parcheggi pertinenziali romani: a box invenduti, rispondendo alle pressioni dei costruttori, il Comune di Roma concesse prontamente la deroga che ne estendeva l’acquisibilità, prima allargando il raggio da 500 a 1.000 metri, e poi a chiunque. Alcuni posti auto vennero affittati, altri messi liberamente sul mercato, altri dati a ore (cfr. F. Erbani, Roma, il tramonto della città pubblica, Laterza, 2013).

È evidente che, senza un piano della mobilità e della sosta, senza alcuna aspirazione diffusa tra i residenti ad investire in uno stallo automobilistico, insomma senza alcuna necessità accertata e documentata dalla pubblica amministrazione, il parcheggio nel sottosuolo pubblico si presenta come pura occasione speculativa.

Al privato che si aggiudica l’affare è concesso il diritto di superficie novantennale, a titolo oneroso (circa 4.000 euro a posto auto, per 90 anni). A suo carico anche la sistemazione del soprasuolo. Il soprasuolo, cioè la piazza. La piazza pubblica che – ridotta a solaio laterocementizio, a sfiatatoio, a corsie carrabili in trincea – sarà, per almeno novant’anni, privata.

*Ilaria Agostini

 

 

Stampa l'articolo
The following two tabs change content below.
Ilaria Agostini

Ilaria Agostini

Ilaria Agostini, urbanista, insegna all'Università di Bologna. Fa parte del Gruppo urbanistica perUnaltracittà. Ha curato il libro collettivo Urbanistica resistente nella Firenze neoliberista: perUnaltracittà 2004-2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *