Traffico aeroportuale, i Comitati italiani si incontrano a Peretola

Stampa l'articolo

Un primo incontro nazionale dei Comitati di abitanti impegnati nella lotta contro le nocività degli impianti e del traffico aeroportuali si è tenuto a Firenze, alla casa del popolo di Peretola.

Il confronto, sabato 27 ottobre, ha visto la partecipazione per l’area fiorentina del Presidio No inceneritore No aeroporto e del Comitato No aeroporto di Campi Bisenzio; c’erano anche i Comitati di Bergamo, di Ciampino e Napoli in collegamento skype.

Sono stati molti e molto interessanti gli elementi emersi dal confronto.

  • Il sistema del trasporto aereo ha un pesante impatto ambientale sia in termini di inquinamento acustico sia in termini, ancora più gravi e sottovalutati, di inquinamento atmosferico. Questo impatto da un lato colpisce gravemente le popolazioni che vivono in prossimità degli aeroporti, dall’altro contribuisce in modo rilevante ai processi in corso di cambiamento climatico e surriscaldamento globale che mettono in pericolo la vita stessa del pianeta.
  • La logica che oggi guida lo sviluppo e la pianificazione di questo settore economico è esclusivamente quella della massimizzazione dei profitti per le compagnie aeree e per i gestori degli aeroporti. Anche le istituzioni pubbliche, in Italia come altrove, portano avanti scelte che mirano a favorire solo quei profitti contro gli interessi della collettività. Per esempio regalando decine di milioni di euro di incentivi alle compagnie aeree, tolti alla spesa pubblica; le cosiddette “politiche di co-marketing” con cui vengono finanziate le compagnie low-cost per attrarle verso l’uno o l’altro aeroporto.
  • Come abitanti e comitati riteniamo che l’unica strada razionale e accettabile da seguire sia quella di dimensionare gli impianti aeroportuali e il trasporto aereo nel suo complesso in modo che siano compatibili con la tutela della vita e della salute delle popolazioni più direttamente esposte e con la necessità immediata di fermare il surriscaldamento globale.
  • E’ stato evidenziato come in particolare in Italia sia le normative sia i soggetti preposti alla tutela degli abitanti siano totalmente inadeguati. Per esempio tra i fattori di compatibilità di un aeroporto con le popolazioni limitrofe è preso in considerazione solo il rumore e non l’inquinamento atmosferico che pure è altrettanto o più pericoloso.
  • Inoltre tutte le funzioni di controllo e regolamentazione sono concentrate nelle mani di ENAC che si trova così a svolgere il ruolo di controllore e di controllato, mentre è urgente spostare i poteri di controllo ambientale sugli aeroporti a soggetti terzi e imparziali.

Per tutto questo non possiamo pensare di delegare alle istituzioni la tutela della nostra salute ma è fondamentale che gli abitanti si autorganizzino dal basso per lottare e imporre i propri diritti. E’ stata assunta l’importanza di dare continuità a un lavoro di condivisione e scambio di informazioni e di esperienze tra tutti i comitati in funzione di un rafforzamento reciproco. E’ stata affermata la necessità di lottare sempre in un’ottica di unità e di solidarietà rifiutando assolutamente come inaccettabile e anche miope e inefficace qualunque ipotesi che una comunità possa liberarsi delle nocività che sta subendo, scaricandole su altre comunità più o meno vicine.

Proseguiremo il lavoro di analisi e di confronto nei prossimi mesi e invitiamo tutt@ coloro che vivono, studiano e/o lavorano in zone attualmente sorvolate a partecipare al progetto di Citizen science NOISECAP per monitorare dal basso il rumore dei passaggi aerei.

Stampa l'articolo

Also published on Medium.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *