Cittadinanza onoraria a Mimmo Lucano: il consiglio comunale di Firenze approva la proposta di Potere al popolo

Stampa l'articolo

Grande soddisfazione per la cittadinanza onoraria a Domenico Lucano e per il patto di fratellanza con Riace.

La mia mozione, che era stata sottoscritta anche dai gruppi Firenze riparte a sinistra e MDP, ha visto il voto favorevole in Consiglio Comunale del gruppo del PD e il voto contrario dei 5 Stelle e di Fratelli d’Italia.

La mozione era stata inizialmente bocciata in commissione Pace, dove alcuni esponenti del PD non erano disponibili a riconoscere la cittadinanza a Lucano, mentre le indagini sono ancora in corso. Eppure molti capi d’accusa sono già decaduti e sono fiduciosa che presto il tutto si concluderà con un nulla di fatto.

Mimmo Lucano sta subendo un trattamento eccessivo, con addirittura il divieto di dimora a Riace, in genere riservato ai mafiosi o ai collusi. E’ quindi importante in questo preciso periodo storico portare non solo la solidarietà ma anche il sostegno con atti politici forti, come, appunto, la concessione della cittadinanza onoraria.

Domenico Lucano è un Sindaco che ha saputo dimostrare come l’integrazione sia possibile, se c’è la volontà politica. Il modello Riace è un esempio virtuoso che va sostenuto e diffuso. Arrivano appelli per acquistare prodotti delle botteghe e dei laboratori di Riace. E’ fondamentale far rivivere quel sistema economico virtuoso, sostenibile, anticapitalista, con i fatti e quindi occorre trovare disponibilità per organizzare anche Gruppi di acquisto.

*Miriam Amato

Stampa l'articolo
The following two tabs change content below.
Miriam Amato

Miriam Amato

Miriam Amato, Consigliera Comunale del Comune di Firenze,aderente a Potere al Popolo. Attiva su tematiche ambientali e sociali, dalla lotta agli inquinanti come: Pesticidi, Inceneritore, Smog, alle Grandi opere inutili: Aeroporto, Tav, Tramvia .

Una risposta

  1. Bene, viva la fratellanza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *