“Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa dovere”

Stampa l'articolo

Questa è la risposta dell’Assemblea Permanente al sindaco di Pistoia, Alessandro Tomasi, in merito alle sue affermazioni, manifestate sulla sua pagina facebook, relativamente al dissenso nell’applicazione del decreto Salvini che molti sindaci d’Italia stanno portando avanti.

Caro Sindaco Tomasi,
non avevamo dubbi sulla sua posizione riguardo il Decreto Sicurezza di Salvini e il crescente rifiuto di applicarlo da parte di alcuni suoi Colleghi d’Italia.
“La legge va rispettata” lei ribadisce oggi dalla sua pagina fb.
Vero. Va rispettata.
Ma non quando calpesta, violenta, infrange diritti e tutele sancite dalla nostra Costituzione sulla quale lo stesso ministro Salvini ha giurato: in questo caso la legge è palesemente incostituzionale e, in attesa della pronuncia della Corte Costituzionale che ci auguriamo arrivi prima possibile, è necessario assumere una posizione netta e mettere in atto anche gesti estremi se il fine è quello di salvare vite umane.
Dovrebbe essere inutile ricordarle che anche le leggi razziali erano legge: conosciamo le conseguenze violente e disumane che esse produssero in termini di emarginazione, segregazione, annientamento di uomini, donne, bambini.
Molti vi si opposero pagando un prezzo altissimo. Anche questo abbiamo studiato. E non lo dimentichiamo.
L’alibi della sicurezza sbandierata da chi ha sostenuto e votato questa legge orribile non regge neanche dinanzi agli occhi di un bambino: privare dell’iscrizione all’anagrafe chi ha un permesso umanitario, ora disconosciuto, significa buttarlo coscientemente nella clandestinità, costringerlo a patire fame, freddo, a delinquere, a cadere nella rete della malavita che sola trarrà beneficio da questo meccanismo. Per poter gridare così all’eterno pericolo! 
È questa l’infinita campagna elettorale di chi, al governo dagli anni ’90 come singolo e come partito, ha perseguito una politica di tagli incondizionati alla sanità, alla scuola, agli enti territoriali erogatori di servizi alle comunità, per poter oggi additare chi scappa dalla guerra o dalla miseria come i colpevoli della mancanza di risorse (risorse tra l’altro ben sottratte e clandestinamente trafugate da esso stesso!). Ecco DOVE erano questi individui che oggi perseguono a parole il bene degli italiani, volendo nascondere le loro precise responsabilità passate e attuali.
Historia magistra vitae.
Noi lo ricordiamo bene. Non vogliamo essere complici di questo degrado prima che politico, umano e culturale, e riscrivere nuovamente, col nostro silenzio, le stesse pessime pagine di storia purtroppo già vissute.
Chi si ribella a questa dilagante disumanità ha il nostro appoggio. Noi siamo sempre dalla stessa parte, dalla parte dell’umanità, della solidarietà, della giustizia, e ci fa piacere vedere che aderisce anche chi finora non vi era.

“Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa dovere”.

E resisteremo un minuto di più di chi brandisce il randello della legge per soddisfare la propria anima nera.

*Assemblea antirazzista antifascista – Vicofaro/Pistoia

Stampa l'articolo
The following two tabs change content below.
Assemblea Antirazzista Antifascista Vicofaro - Pistoia

Assemblea Antirazzista Antifascista Vicofaro - Pistoia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *