Ancora un no all’inceneritore

Martedì 5 maggio si è un concluso alle ex- Leopoldine di Firenze, un interessante ciclo di cinque incontri dal titolo ‘Percorsi virtuosi verso un economia circolare, per un futuro a zero rifiuti’, organizzato dalla sezione fiorentina di Rifiuti Zero in collaborazione con Zero Waste Italy.

Sono intervenuti vari e qualificati ospiti da Don Santoro, della Comunità delle Piagge, a Alessio Ciacci, a Paolo Contò, ad Enzo Favoino, a Valerio Caramassi, a Claudio Tedeschi, a Alessandro Venturi, a Rudi Russo, a Giorgio Pizziolo, a Rossano Ercolini, a Paul Connett. logopiana

Si è parlato di ecologia e di economia, che ormai sono due facce della stessa medaglia, di ‘rifiuti umani’, di scarsità di risorse prime, di sistemi porta a porta nelle grandi città come Milano e New York, di soluzioni concrete alla crisi ed alla disoccupazione tramite l’industria del riciclo che è l’unica a crescere del 18% all’anno e dei problemi per l’ambiente e la salute nella Piana fiorentina se vi saranno impiantati l’inceneritore di Case Passerini e l’ampliamento dell’aeroporto.

Enzo Favoino ha suggerito di trasformare l’attuale impianto di trattamento meccanico biologico di Case Passerini in una ‘fabbrica di materiali’, in sostituzione dell’inceneritore. Paul Connett con la passione e competenza che lo contraddistingue ha fatto una carrellata planetaria dei modi di attuazione di Zero Waste e si è detto sconcertato dall’arretratezza culturale della classe politica che governa Firenze ed ha finito l’intervento abbracciando le Mamme no-inceneritore fiorentine. Rossano Ercolini, ha enunciato le ultime vittorie della strategia Rifiuti Zero ed ha indicato possibili azioni di disobbedienza civile da attuare nella malaugurata ipotesi di inizio della cantierizzazione dell’inceneritore di Firenze.

Da subito si può dire no a tutte le proposte energetiche che HERA, proporrà nella Piana ai cittadini e poi autoriduzione della bolletta di circa il 30%.

logo rifiuti zero firenze

logo rifiuti zero firenze

Seguono due brevi interviste una a Rossano Ercolini (Presidente di Zero Waste Italy, l’altra a Antonio Di Giovanni (Rifiuti Zero Firenze e mister funghi espresso).

 

 

Si segnala qui una prossima iniziativa.

*Gian Luca Garetti, medico, è attivo in Medicina Democratica, Isde e perUnaltracittà