Strage di Viareggio: un mese di iniziative per ricordare

Come ha detto Marco Piagentini nella conferenza stampa del 22 maggio: “Siamo stati abbandonati …”. Noi, invece, siamo costretti a non abbandonare le “Istituzioni”, perché devono, dovranno, assumersi le proprie responsabilità di fronte alle nostre Vittime, a noi familiari, ai propri cittadini, nella ricerca di verità, giustizia e sicurezza in ferrovia come in ogni luogo di lavoro.

logo_associazione_il_mondo_che_vorreiSiamo di fronte allo spettro della prescrizione per il reato d’incendio colposo. Ecco perché saremo al Palazzo comunale la sera dello scrutinio per le elezioni regionali e lunedì per quelle comunali: per parlare e far capire quanto dobbiamo combattere per impedire altre offese.

WCENTER 0XLDAFQLBO                Una veduta dall'elicottero del luogo dove e' esploso il treno a Viareggio in una foto del 30 giugno 2009 a Viareggio. ANSA / CARLO FERRARO

Una veduta dall’elicottero del luogo dove e’ esploso il treno a Viareggio in una foto del 30 giugno 2009 a Viareggio.

Abbiamo invitato i candidati a sindaco a sostenere questa nostra ennesima iniziativa per rompere il silenzio sul 29 giugno 2009 invitandoli a sostenerci apertamente e pubblicamente. Abbiamo l’assoluta necessità di essere ascoltati. Ma anche, e soprattutto, da chi sarà chiamato ad amministrare almeno per non riscrivere pagine nere a cui abbiamo assistito in questi anni.

Come abbiamo detto nella conferenza c’è il rischio che la strage di Viareggio, che le 32 persone (che vivevamo e amavamo), che il nostro dolore siano cancellati; che la prescrizione spenga il reato di ‘incendio colposo’, causa per cui i nostri cari hanno perso la vita.

Per questo lunedì 1° giugno, alle 14.00, durante lo spoglio delle schede elettorali, vi invitiamo ad essere al Comune di Viareggio. Vorremmo poter fermare il tempo, anche solo per un minuto. Per condividere le nostre paure, illuminare la strada verso la giustizia e la verità, e per coinvolgere in questo tortuoso cammino le istituzioni; quelle regionali e quelle comunali che purtroppo, talvolta, troppe volte, ci hanno voltato le spalle.

Se oggi, nonostante tanti vuoti, non ci sentiamo soli è perché accanto a noi e con noi c’è una società civile che non vuol dimenticare; che ha costruito un mese di iniziative, nel segno del ricordo e della solidarietà; momenti che ci accompagneranno verso la commemorazione del 6° anniversario.

vittimeE tutto quello che è stato, da quel giorno ad oggi l’abbiamo raccolto in un mostra: “Incancellabile”, che può essere visitata a Villa Argentina dal 20 al 27 giugno (orario: 17-23). Ci troviamo lunedì 1 giugno dalle ore 14.00 di fronte al Comune di Viareggio, e lunedì 29 giugno, giornata della Memoria e della Solidarietà, alle ore 20.30 ci sarà appuntamento in via Ponchielli e corteo per la città.

Per noi la vita è tutta qui, è una lotta per la vita e per la sicurezza. Che non abbiamo alcuna intenzione di abbandonare.

*Associazione dei familiari ‘Il Mondo che vorrei’ e *Assemblea 29 giugno

info@ilmondochevorreiviareggio.it  e-mail: assemblea29giugno@gmail.com