I Cobas in solidarietà con gli studenti Liceo Artistico

Mozione di solidarietà con gli studenti fiorentini del “Liceo Artistico di Porta Romana”, colpiti da provvedimenti disciplinari per l’occupazione della scuola contro la legge 107.

L’Assemblea Nazionale dei COBAS-Comitati di Base della Scuola, riunitasi a
Firenze il 12 e 13 dicembre 2015, esprime la piena solidarietà agli studenti fiorentini del Liceo
Artistico di Porta Romana, colpiti da provvedimenti disciplinari in seguito all’occupazione del
proprio Istituto dal 10 al 19 novembre scorso, attuata per protestare contro la legge 107 e le
politiche governative di smantellamento, privatizzazione e aziendalizzazione del sistema
dell’istruzione pubblica.
occupazioneDurante questo periodo gli studenti hanno provveduto a realizzare lavori di pulizia,
manutenzione e imbiancatura delle aule come risposta allo stato di degrado della scuola.
Gli studenti volevano anche denunciare l’attuale modalità di utilizzo della Gipsoteca dell’Istituto,
normalmente preclusa all’attività didattica ma affittata a privati, che addirittura la usano come
discoteca con impianti musicali ad alto volume.
Al termine dell’occupazione, sui 300 studenti che vi hanno partecipato attivamente e che si
sono “autodenunciati” dichiarando i propri nominativi, la dirigenza scolastica ha individuato
come responsabili dei fatti 35 ragazze e ragazzi, nei confronti dei quali sono state applicate
sospensioni dai 7 ai 20 giorni con l’accusa di “interruzione di pubblico servizio”.
La distinzione selettiva dei “punibili”, la rilevanza delle punizioni inflitte e la stessa procedura
per attribuire i provvedimenti disciplinari, adottati dalla dirigente scolastica e dai consigli di
classe in palese violazione sia dello Statuto degli studenti e delle studentesse sia del
Regolamento di Istituto, sono tutti elementi che rivelano il chiaro intento repressivo e
intimidatorio nei confronti della protesta studentesca. Infatti:
1. non sono stati convocati i rappresentanti di genitori e studenti per le valutazioni del caso;
2. le sospensioni superiori ai 15 giorni sono state inflitte prima della riunione del Consiglio di
Istituto;
3. la scelta della sospensione dalle lezioni, quale provvedimento disciplinare invece dei “lavori
socialmente utili con obbligo di frequenza”, caratterizza la sanzione da un punto di vista
prettamente punitivo rispetto a soluzioni di tipo “educativo” non escludenti dalla didattica;
4. l’atteggiamento intimidatorio e repressivo si evidenzia anche nelle convocazioni di studenti
della scuola per interrogatori da parte dei carabinieri.

Firenze, 13 dicembre 2015

  *La Presidenza dell’Assemblea Nazionale
  COBAS-Comitati di Base della Scuola

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Cobas Scuola

COBAS-Comitati di base della Scuola Sede Nazionale: Roma, Viale Manzoni 55 Tel. 06 70452452 – Fax 06 77206060 E-mail: cobascuola@tiscali.it - www.cobas-scuola.it

Ultimi post di Cobas Scuola (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *