Genova 2001, la politica migliore e il fallimento della sinistra istituzionale

Genova 2001 per noi è stata, ed è ancora oggi, l’esplodere di energie vitali, l’aprirsi di orizzonti più vasti per la conquista di diritti, equità sociale e ambientale. E’ stata, ed è tuttora, l’espressione collettiva di una netta scelta di campo, l’emergere del sogno di un altro mondo possibile che si diffondeva contagioso, con una spinta forte a non delegare ad altri la lotta contro il sistema.

Una generazione di giovani che contrapponeva al progetto liberista nuovi modelli e altri ideali, un altermondialismo nato da analisi e lotte che dallo zapatismo passavano alla battaglia di Seattle e per il Forum sociale di Porto Alegre, tavoli di confronto dove si analizzano piattaforme alternative a quelle dei governi. Ma Genova 2001 è stata anche quello che Amnesty International ha definito “la più grave violazione dei diritti umani occorsa in una democrazia occidentale dal dopoguerra”; è stata la morte di Carlo Giuliani, un ragazzo, durante gli scontri di piazza, i pestaggi della polizia nelle strade e dentro la Diaz, le torture subite a Bolzaneto, i vertici politici che consentirono quella “macelleria messicana”.

Genova, in quel mese di luglio di 20 anni fa, ha messo in scena la consapevolezza del disastro a cui avrebbero portato le politiche neoliberiste della Banca mondiale e del Fondo monetario internazionale e dell’Organizzazione mondiale del commercio. Perché il Genoa Social Forum aveva centrato i temi che oggi compaiono, irrisolti, nel dibattito pubblico: il ruolo delle multinazionali, il peso del debito, le disuguaglianze sociali, la devastazione ambientale, l’erosione dei diritti, la riduzione degli spazi di agibilità sociale, la repressione. Genova è stata la conferma della distanza tra il movimento e la cosiddetta sinistra istituzionale che, priva di strumenti di analisi e sedotta dalle chimere del liberismo, non solo non ha fatto tesoro delle parole d’ordine che il movimento aveva individuato, ma le ha avversate, e infine le ha consegnate alla destra protezionista e antimondialista.

Grande, anche se non sorprendente, la responsabilità di quei partiti che, in teoria, avrebbero dovuto raccogliere la nuova visione e le nuove modalità e pratiche dal basso, per una alternativa al sistema a cui in teoria dicevano di contrapporsi. Invece, fin da subito è successo il contrario, a partire dal “restiamo a casa” di Fassino, segretario del più grande partito di una autodefinita “sinistra”, per proseguire con un appiattimento progressivo su posizioni conservatrici di destra. E allora, ripensando Genova 2001, cerchiamo di capire oggi da dove si può ripartire. Senza nessuna illusione su forze politiche e media di regime, sapendo il ruolo che controllo sociale e repressione hanno nel mantenimento dell’esistente, diffidando da protagonismi e velleitarismo, evitando cioè gli errori che nell’area di movimento sono stati commessi. In una parola, facciamo tesoro di quello che di prezioso ha significato.

Ornella De Zordo

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Ornella De Zordo

Ornella De Zordo, già docente di letteratura inglese all'Università di Firenze, e attiva per anni nei movimenti, è stata eletta due volte in Consiglio comunale - dal 2004 al 2014 - per la lista di cittadinanza 'perUnaltracittà', portando dentro il palazzo le istanze delle realtà insorgenti e delle vertenze antiliberiste attive sul territorio. Finito il secondo mandato di consigliera di opposizione ai sindaci Domenici e Renzi, prosegue con l'attività di perUnaltracittà trasformato in Laboratorio politico, della cui rivista on line La Città invisibile è direttrice editoriale.

Una risposta

  1. Roberto Renzoni ha detto:

    Bisogna ripartire, cara Ornella, e con tutta la cautela e prudenza possibili (e non per paura ma per tattica) alla rimessa in piedi di ciò che c’era ed è stato distrutto nel tempo e non solo qui ma anche altrove: una organizzazione politica o partito. Credo che il vostro “insieme”, pur con tutte le naturali differenze, sia vicino a questa idea: coraggio e avanti e nessuno spavento se l’evento sarà oltre la nostra esistenza…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *