Giornata mondiale della terra: ora è il momento della grande riconversione ecologica

  • Tempo di lettura:3minuti
image_pdfimage_print

Ora è il momento della Grande Riconversione Ecologica, locale italiana, europea, mondiale.

Questa è la vera ricostruzione dopo il Coronavirus, questa la base per la ripresa economica e sociale del dopo crisi. Proprio dalla crisi infatti può scaturire – ed è possibile – una svolta ecosistemica vitale, a partire dalle situazioni estreme che la crisi sta facendo emergere (povertà, prepotenza, distruzione, dittature).

È ormai evidente che la pandemia è scoppiata, oltre che per omertà e colpevole insipienza politica, anche per gravi alterazioni degli ecosistemi, ed è evidente che queste dinamiche sono ancora e sempre più incombenti, dati i comportamenti e le logiche neoliberiste imperanti. Non dovremo mai stancarci di denunciare questo stato limite delle cose, ma è ancora più necessario invertire le tendenze, finché siamo in tempo, e costruire un’alternativa ecosistemica sia locale che globale inventando e riscoprendo nuovi/antichi modelli di relazione Uomo/Società/ Ambiente.

Ma siamo ad un bivio:

 – Da un lato le forze dominanti della “ricostruzione” vogliono con determinazione cogliere l’occasione per imporre le opere e le attività che finora non erano riuscite a mettere in atto, provocando decisioni planetarie tra ricchezze sconfinate e povertà estreme e dilaganti che coinvolgeranno tutti i ceti sociali.

– Dall’altro la Riconversione ecologica si impone come una priorità urgente non rinviabile; ma allo stesso tempo assai complessa.  Non vogliamo più subire le Grandi Opere autoritarie, inutili e distruttive, ma costruire la Riconversione in maniera diffusa, allargata, coinvolgente, in forma di democrazia partecipata, creativa e solidale.  E non ci si dica che i processi partecipativi di riconversione richiedono troppo tempo, e che le esperienze di apprendimento sociale ‘non esistono’; la trasformazione ecologica è ormai radicata, non comporta divisioni tra la popolazione e si dispiega in una gioia creativa.

Paradossalmente, le carenze e le gravità del dopo crisi, possono, se ribaltate, offrire una grande occasione di impiego di tutta la forza sociale disoccupata, offrendo modalità di impiego del tutto inaspettate. I cicli naturali del suolo, delle acque, del cibo, della salute, dell’energia pulita, delle stagioni e della natura, offrono un vastissimo campo per la sopravvivenza egualitaria, diffusa, creatrice di nuovi Ambienti di Vita e Modalità di lavoro.

Occorre fare presto.

Opponiamoci alla ricostruzione neoliberista, e apriamo a dibattiti, ricerche, ma più che altro cantieri delle pratiche collettive, ricostruiamo le relazioni ecosistemiche sia favorendo quelle naturali che re-inventandoci quelle socio umane, promuovendo le interrelazioni reciproche. Utilizziamo i promessi flussi di denaro proprio per queste finalità, e chiediamo allora ai politici attenti, ben oltre la ‘discutibile’ green economy, per organizzare insieme la grande rinascita ecosistemica, globale e locale.  Uniamoci tutti contro il “Terracidio” come professano i Popoli della Patagonia e apriamoci alle nuove pratiche e alle nuove relazioni ecologiche e di terapia ecosistemica.

Qui intanto si potrebbe cominciare dalla Città/Paesaggio, dalla diffusione degli Orti Collettivi, dalle Oasi Urbane, e alle altre molteplici esperienze in corso, anche le più piccole, finora mai prese in considerazione dai poteri forti della finanza, dell’economia, della politica.

Vogliamo ripartire …sì …ma da qui!

*Rita e Giorgio Pizziolo per Alterpiana

The following two tabs change content below.

Giorgio Pizziolo

Urbanista, insegna all’Università degli Studi di Firenze. Fa parte del gruppo urbanistica di perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *