Lo sapevate che… più utili fa Publiacqua e meno ci guadagnano i lavoratori?

La prima uscita della nuova serie: ‘Lo sapevate che…”. In questo caso parliamo di Publiacqua spa.

Più aumentano gli utili, più diminuiscono i premi produzione dei lavoratori.

Se ancora ci fosse bisogno di conferme sono soltanto gli azionisti a guadagnare dalla gestione privata dell’acqua pubblica fiorentina, gestita da Publiacqua Spa.

Ricapitoliamo: i cittadini si trovano a pagare bollette sempre più salate per servizi di qualità ogni anno peggiore, la manutenzione degli impianti lascia sempre più a desiderare, basti ricordare i 225 km di tubi in amianto che per il momento Publiacqua non intende sostituire con sommo disinteresse verso la salute dei cittadini.

Da tutto questo risulta quindi chiaro, ma già lo sapevamo, che utili – perché gli utili ci sono – non vengono reinvestiti nella gestione e nel miglioramento degli impianti.

Grazie ad una segnalazione di USB Publiacqua un’altro tassello va a posto, neppure i lavoratori Publiacqua traggono vantaggio dall’aumento degli utili dell’azienda tanto che più questi aumentano, tanto più diminuiscono i premi produzione destinati ai lavoratori.

Come risulta evidente dalla tabella, con la sola esclusione dell’anno 2009, il premio di produzione destinato ai lavoratori di Publiacqua Spa diminuisce mentre aumentano gli utili netti fatti dall’azienda e i dividendi distribuiti ai soci nei stessi anni:

Anno Utili Dividendi Premio
2007 16,2 milioni 0 1,615 milioni
2008 16,1 milioni 5,4 milioni 1,519 milioni
2009 23,3 milioni 7,9 milioni 1,723 milioni
2010 26,5 milioni 8,1 milioni 1,574 milioni
2011 25,8 milioni 10,1 milioni 1,357 milioni
2012 36 milioni 11,8 milioni 1,385 milioni
2013 47,1 milioni 0 1,279 milioni
2014 30,8 milioni 12,6 milioni 1,266 milioni

Concludendo: la privatizzazione dei beni e dei servizi pubblici conviene a pochi e fa male a lavoratori e collettività.

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Una risposta

  1. “Il Festival dell’Ipocrisia” andato in scena a Firenze lnkd.in/dfXUGZH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *