Julian Assange subito libero. Perché a rischio è la nostra, di libertà

L’11 aprile scorso Julian Assange – ideatore e animatore di quella magnifica organizzazione per la libertà che è WikiLeaks – è stato preso con forza dall’ambasciata ecuadoriana a Londra e arrestato dalla polizia del Regno Unito. Poi Julian è stato “ulteriormente arrestato” a nome del governo degli Stati Uniti per soddisfare i buoni rapporti tra Gran Bretagna e Usa.

Assange sta pagando duramente, e non da adesso, il fatto di aver rivelato dati sui crimini di guerra statunitensi in Afghanistan (The Afghan War Diary) e in Iraq (The Iraq War Logs), ma anche di aver diffuso le prove della corruzione che si dispiega all’interno di diversi governi “democratici”.

Ma forse, e la cosa potrebbe essere se possibile ancora più grave, perché stava indagando sull’uso che Google (e presumiamo le grandi multinazionali dell’informazione) si preparava a fare dell’immensa quantità di “nostri” dati di cui dispone. Si trattava, nel racconto di Giorgio Agamben che lo ha incontrato recentemente presso l’ambasciata ecuadoriana, “di vendere a società di assicurazione e ai Servizi segreti dati sugli interessi, i desideri, i consumi, lo stato di salute, le letture, insomma sulla vita in ogni suo aspetto di milioni di individui“. Per Assange questo avrebbe significato “un incremento senza precedenti delle possibilità di controllo da parte dei poteri economici e polizieschi sugli esseri umani“. L’arresto di Assange non è quindi soltanto “il desiderio di punire le inchieste passate di Wikileaks, ma di impedire l’indagine tuttora in corso, che evidentemente viene percepita dagli interessati come una minaccia“. È anche per questa ragione che occorre esprimere senza riserve la propria solidarietà con Assange.

Su questa vicenda che ci parla di lesione dei diritti, di intrighi internazionali, di corruzione e soprattutto della mancata trasparenza delle informazioni – in sostanza della morte delle democrazie occidentali – sono usciti diversi articoli che val la pena leggere, ve ne suggeriamo alcuni perché l’arresto di Julian riguarda tutti/e noi!

perUnaltracittà

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
perUnaltracitta

perUnaltracitta

All'opposizione in Consiglio comunale a Firenze dal 2004 al 2014, la lista di cittadinanza perUnaltracittà è poi diventata laboratorio politico per partecipare alle vertenze sul territorio e dare voce alle realtà di movimento anche attraverso la rivista La Città invisibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *