Giustizia ambientale: l’impegno di Potere al Popolo!

Anche durante il campeggio di quest’anno, Potere al Popolo! ha riunito il proprio tavolo tematico su ambiente, territorio e modello di sviluppo. L’interesse per la lotta ambientale, stimolato anche dall’attenzione riservata al tema dai principali media, ha portato moltissima partecipazione al nostro tavolo da diverse assemblee territoriali presenti in tutta Italia. La condivisione delle esperienze di lotta sui diversi territori ha arricchito la discussione con moltissimi stimoli ed idee; pertanto abbiamo perfezionato l’organizzazione al nostro interno, con l’obbiettivo di valorizzare lotte e riflessioni nate nei territori.

Le riflessioni sul tema ambientale di Potere al Popolo! nascono dalla nostra presenza nelle lotte. Da queste attività sui territori, abbiamo individuato alcuni ambiti tematici specifici sui quali impegnarci. Vogliamo costruire una nuova prospettiva sul tema dei rifiuti nelle città, che vada oltre la sola problematica della gestione degli stessi, e abbandoni la pratica dell’usa e getta, per riconsiderare non solo ciò che un materiale diventa dopo essere stato consumato ma anche il prodotto stesso dalla sua genesi.

Ci impegniamo a sostenere tutte le lotte che mirano a difendere la Terra dalla cementificazione selvaggia e dai suoi speculatori, responsabili del consumo di suolo senza controllo: il dissesto idrogeologico, il surriscaldamento urbano e la necessità di smaltire più CO2 possibile, sono solo alcune delle conseguenze imposte dalla cementificazione selvaggia e spesso frutto di scelte scellerate volte ad alimentare la speculazione edilizia per i profitti dei pochi. Il nostro impegno è invece la salvaguardia del patrimonio ambientale, fondamentale per la tutela delle nostre stesse città. Allo stesso tempo abbiamo voluto includere la questione abitativa nel nostro interesse, sempre in una prospettiva di diritti sull’ambiente e sul territorio. Nelle nostre città vi sono sempre più case senza persone e persone senza case, per questo siamo attivi sul fronte dell’edilizia popolare, del diritto alla città e delle problematiche delle periferie. Ci siamo inoltre mobilitati per costruire un modello di produzione energetica alternativo allo sfruttamento delle fonti fossili inquinanti. Il caso della centrale energetica a carbone di Civitavecchia è per noi centrale per rivendicare un futuro libero dal fossile nel quale la nostra salute e il nostro lavoro vengono tutelati tanto quanto il benessere del pianeta. Queste sono solo alcune delle lotte nelle quali siamo già attivi e che approfondiremo anche per fornire più strumenti possibili per vertenze analoghe o simili nei vari territori.

Tutte le esperienze dei territori presenti al tavolo hanno fatto emergere la comune volontà di confronto e collaborazione con le ragazze e i ragazzi di Fridays For Future. I comuni interessi e la convergenza delle nostre lotte deve portarci a condividere e mettere a disposizione tutte le nostre energie e la nostra esperienza nelle lotte e sui territori, in nome di comuni obiettivi, cercando anche di dare più contributi possibili per ciò che riguarda le vertenze ambientali territoriali in modo da dare un’impronta alle lotte che connetta il globale al locale. Anche in questa prospettiva, Potere al Popolo! ha partecipato al Climate Camp di Venezia, dal 4 all’8 settembre, con un proprio spazio costruito dal tavolo sulle lotte ambientali. Saremo presenti inoltre, sui diversi territori, al Global Strike for Future and Climate del 27 settembre.

L’impegno di Potere al Popolo è quello di aumentare le energie impiegate nella lotta ambientale su tutti i territori, attraverso iniziative e spazi di riflessione. Con questo obiettivo abbiamo promosso in Basilicata due giornate di dibattito, “Contro le estrazioni petrolifere, per la conversione ecologica dell’economia: il caso Basilicata”, in programma il 28 e 29 settembre.

Continueremo a organizzarci, ad essere presenti nelle lotte, per costruire un’alternativa, per i nostri diritti e per il benessere dei territori in cui viviamo. Avanti tutta!

*Potere al Popolo!

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile