Torino, sgombero al mercato del Balôn. Quando la riqualificazione sbatte i poveri in periferia

E così si è passati dalle parole ai fatti. L’ordinanza di sgombero del cosiddetto Canale Molassi nel cuore di Torino ha avuto attuazione ieri. Per chi non conosce Torino: il Canale Molassi è nella zona di Porta Palazzo, a due passi dal municipio. Qui ogni sabato si svolge il Balôn, il mercato dei robivecchi, dell’antiquariato. Sempre ogni sabato, invece, lungo il Canale Molassi alcune centinaia di veri poveri mettono in vendita le loro cose, provenienti da sgomberi, da cassonetti dell’immondizia, da donazioni: vanno lì, li depositano per terra su coperte o lenzuoli e attendono i compratori.

Che sono numerosi – diverse migliaia – perché chi si fa un giro al Balôn spesso lo fa anche da loro. Via Carcano, dove da ieri i poveri sono costretti a “emigrare”, si trova invece nella periferia nord di Torino, giusto a fianco del cimitero monumentale. È un luogo che potremo tranquillamente definire “sfigato”, un posto dove la gente deve essere ben motivata a recarcisi. L’ordinanza del resto era di dicembre 2018, e da gennaio 2019 i poveri che ogni sabato hanno continuato a vendere al Canale Molassi erano a tutti gli effetti abusivi.

Niente di strano allora che siano stati tirati i new jersey e siano intervenute le forze dell’ordine. Molto di strano invece nella motivazione a monte. In una appassionata requisitoria a sostegno dell’ordinanza di sgombero, la sindaca Chiara Appendino vivacemente difese la decisione, affermando tra l’altro: “Non è ordinato quel luogo, non è particolarmente infrastrutturato quel luogo, non lo è, non lo è.”

 

La povertà fa a pugni con la riqualificazione, ed ecco quindi i poveri sbattuti in periferia da parte di una giunta 5stelle. Ma non erano proprio i ministri 5stelle che circa un anno fa gioivano dal balcone di Palazzo Chigi e affermavano entusiasti “oggi abbiamo abolito la povertà”? È così poi che, a livello locale, si aiutano i poveri che cercano di tirar su qualche euro. Spostandoli dal centro città a far compagnia ai defunti?

Torino, il Comune impone lo sgombero del “Suq” abusivo al Balon. M5s si divide sulla decisione della sindaca Appendino

Torino, la giunta M5s sposta gli ambulanti ma loro occupano l’area: “Vogliono farci andare in periferia”

*Redazione

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile