Carcere di San Gimignano: 5 agenti di custodia rinviati a giudizio per tortura

A volte, raramente, quello che succede nelle carceri riesce a penetrare la cortina di silenzio, fatta di paura, intimidazione e disinteresse, e ad affacciarsi al mondo dei liberi. Anche se la notizia resta relegata nelle pagine interne dei quotidiani locali.

A volte, raramente, qualcuno trova il coraggio di denunciare, o di non tacere, anche fra gli stessi agenti di custodia, una dottoressa stila un referto medico non addomesticato, nonostante le intimidazioni, una PM segue il caso, e chiede il rinvio a giudizio per il reato di tortura per 5 agenti, e per omissione di atti di ufficio per un medico.

L’11 ottobre 2018 una squadraccia di agenti di custodia del carcere di San Gimignano si sarebbe resa protagonista (il condizionale è d’obbligo in attesa del procedimento, è d’obbligo anche ricordare che le accuse sono supportate dai filmati delle telecamere interne al carcere) di un vero e proprio pestaggio, senza motivo apparente, nei confronti di un detenuto tunisino, condannato a un anno in primo grado, in custodia per violazione degli arresti domiciliari. Forse una intimidazione rivolta a tutto il reparto – altri detenuti sono stati oggetto dell’atteggiamento aggressivo del gruppo – forse semplicemente violenza gratuita, una parola sbagliata, o la cittadinanza sbagliata. Lo dirà eventualmente il processo.

Di certo quanto accaduto nel carcere di San Gimignano non è un’eccezione: dalla “cella zero” di Poggioreale ai casi del carcere di Viterbo, da Bancali in Sardegna a Caserta. Difficile fare luce, e soprattutto arrivare a fine di procedimenti giudiziari con il clima di minacce e intimidazioni che circonda questi episodi, con il sostanziale disinteresse del “mondo libero” per quello che avviene dietro le sbarre di un carcere, con un’onda di giustizialismo manettaro ma anche truce e vendicativo, con i toni esasperati e violenti di chi coltiva i peggiori istinti della massa per semplici calcoli di consenso. Difficile ma necessario cercare sempre di tenere aperto tutte le volte che è possibile un canale di informazione e di attenzione, sulle violenze aperte e squadriste, come pure sulle condizioni spesso drammatiche di vita dei detenuti.

In tutto questo ricordiamo che il ruolo di Garante dei detenuti della Regione Toscana è vacante da diversi mesi. Franco Corleone, il precedente Garante, ha agito in condizioni di proroga fino a oltre un mese fa, ora è definitivamente cessato il suo mandato, e ha annunciato uno sciopero della fame per sollecitare il Consiglio Regionale a procedere senza ulteriori indugi alla nuova nomina.

Non ci sono giustificazioni a questa inerzia: che si proceda subito alla nomina, e, per dirla con le parole di Adriano Sofri, “bisogna sperare che la candidatura prescelta appartenga alla persona dal curriculum e dai titoli più appropriati alla responsabilità che assumerà. Mi auguro vivamente che i Consiglieri regionali se ne ricordino, e si guardino dal far prevalere calcoli di opportunità di partito e di correnti. Si tratta di andare nelle galere a vedere e auscultare le pareti sudate e i pavimenti macchiati delle celle nude, i giorni e le notti degli essere umani detenuti. Non di un titolo in più da stampare sul proprio biglietto da visita.”

*Maurizio De Zordo

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Maurizio De Zordo

Maurizio De Zordo, architetto, attivo da anni nei movimenti fiorentini e nelle realtà dell'antifascismo militante partecipa anche al laboratorio politico perUnaltracittà ​dove si impegna in particolare, oltre che sulle tematiche legate alla repressione, sui temi della città, dell'urbanistica e del diritto alla casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *