Presentato a Firenze il Protocollo verso una conversione ecologica della Toscana

Venerdì 28 agosto a Firenze, al Caffè Letterario de Le Murate, è stato presentato il Protocollo di Impegno per le candidate e i candidati a Presidente della Giunta Regionale Toscana.
🔀 Promosso da molti comitati, movimenti e associazioni ambientaliste, da anni in ostinata e diffusa mobilitazione a difesa della salute, del territorio e degli ecosistemi locali e contemporaneamente portatori di proposte e pratiche concrete
nella direzione della drastica riduzione della produzione di rifiuti e di modalità gestionali rifiuti zero.

ORA LA PAROLA PASSA ALLE CANDIDATE E AI CANDIDATI.
Oggi non basta più fare retorica intorno alle catastrofi e ai drammi ambientali e sanitari che viviamo: occorre SCEGLIERE NEI FATTI DA QUALE PARTE STARE.

✔Qui il Protocollo
✔Qui il Comunicato Stampa

Lo spreco di beni e risorse non rigenerabili e la scarsità di molti materiali e materie prime in esaurimento sono una conseguenza del sistema economico dominante e del vigente modello lineare: estrarre, trasformare, consumare, smaltire.

Tenendo conto de:
– il raggiunto ‘picco’ delle fonti energetiche fossili;
– il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici;
– l’ impoverimento della biosfera e dei suoi differenti multiformi ecosistemi;
– gli effetti sempre più devastanti in campo ecologico, insediativo e sociale di tutto questo con il fondato rischio del ricorso alla guerra per il controllo delle residue risorse biotiche e materiali fondamentali
♻️ IN TOSCANA SI IMPONE CHE si dia luogo a una radicale svolta nelle politiche industriali,
agricole, rurali e di uso del territorio; una svolta che ponga al centro le logiche ecosistemiche e relazionali nella cura del territorio, dei beni e delle riserve fondamentali, della cultura e dei sistemi insediativi, avviando da subito sperimentazioni concrete di ‘economie trasformative’ sul piano ambientale e sociale, data l’ urgenza della conversione ecologica delle relazioni donna-uomo/ natura / società.
E’ appunto la Conversione Ecologica dell’ Economia e del territorio ad essere al centro del PROTOCOLLO DI IMPEGNO CHE PROPONIAMO ALLE
CANDIDATE E AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE TOSCANA.
Una svolta effettiva per la quale NON ABBIAMO PIU’ MOLTO TEMPO e che può essere favorita da un ‘economia circolare’ basata realmente sulla comprensione e sul rispetto dei cicli biologici e di materia-energia e volta alla estesa riduzione fino all’azzeramento delle pratiche
estrattiviste.
Per queste ragioni nel Protocollo di Impegno chiediamo
LA RIDUZIONE DRASTICA DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI, FORME DI RIUTILIZZO
E DI RICICLAGGIO DUREVOLI E UNA REALE E CONSAPEVOLE PARTECIPAZIONE
DEGLI ABITANTI ALLE DECISIONI.
A partire
✳ dal blocco del PROGETTO WASTE-TO-METHANOL PROMOSSO A STAGNO (LI) DA
ENI in quanto dissipativo di risorse e in contraddizione evidente dei dettami della economia circolare basati sulla centralità del recupero di
materiali;
✳ dalla chiusura e l’abbandono entro il 2024 degli IMPIANTI DI
INCENERIMENTO E DI COINCENERIMENTO DEI RIFIUTI SENZA GRAVARE
ULTERIORMENTE SULLE DISCARICHE.
Da parte nostra RENDEREMO PUBBLICHE LE EVENTUALI ADESIONI DELLE CANDIDATE E DEI CANDIDATI FIRMATARI anche attraverso appropriate iniziative che verranno rese note in seguito.
Ma il Protocollo non è solo un “monito” rivolto a TUTTI GLI  SCHIERAMENTI POLITICI ma anche un’opportunità di atti e pratiche di azioni pubbliche e comuni per mettere al centro la cura del pianeta e la rigenerazione delle materie prime.

Nella Conferenza stampa che ha visto l’intervento di attivisti di Zero Waste Italy, del Centro di ricerca Rifiuti Zero di Capannori, di Medicina Democratica e del WWF Toscana, di comitati e associazioni ambientaliste di tutta la regione, è stata annunciata l’elaborazione in
corso di uno Schema di Piano regionale auto-prodotto dalle varie realtà, di riduzione dei rifiuti solidi urbani e anche speciali, e di abbandono della combustione dei residui, dall’ incenerimento alla gassificazione, quale momento del processo VERSO UNA CONVERSIONE ECOLOGICA IN TOSCANA.

✔Qui il Protocollo
✔Qui il Comunicato Stampa

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *