Se ho deciso di scrivere quest’articolo non è perché, per l’ennesima volta, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha mosso guerra al mio quartiere, ma perché questa volta l’Oltrarno ha risposto con una forza e una gioia che mi