In Italia restrizioni dei diritti per migranti, donne, anziani, detenuti, Lgbt

  • Tempo di lettura:2minuti
image_pdfimage_print

Il rapporto di Amnesty International su La situazione dei diritti umani nel mondo 2021-22 evidenzia come “L’Italia nel 2021 è caratterizzata da tante occasioni mancate per i diritti”. La responsabile Amnesty Ilaria Masinara ricorda “la morte registrata nel carcere di Santa Maria Capua Vetere”, il naufragio della Legge Zan, “le limitazioni al diritto all’aborto” e “l’isolamento prolungato degli anziani chiusi nelle case di riposo”

“L’Italia nel 2021 è caratterizzata da tante occasioni mancate per i diritti”. Il giudizio arriva dall’ultimo rapporto su “La situazione dei diritti umani nel mondo 2021-22” e a riferirlo in conferenza stampa a Roma è la responsabile campagne Ilaria Masinara. A essere ancora oggetto di restrizioni “sono i migranti, le donne, gli esponenti della comunità Lgbt e le persone private della libertà”.

Restrizioni diritti per alcuni migrantiA partire dagli oltre 1.500 morti nel Mar Mediterraneo nel 2021, un terzo in più rispetto al 2020. “Italia e Ue – avverte Masinara – continuano a ignorare i canali di protezione legali, mentre sono state oltre 32 mila le persone riportate dai guardiacoste libici in Libia, dove abbiamo prove documentate che questa gente poi subisce torture e segregazione”. Luoghi di sospensione dei diritti esisterebbero anche sul suolo italiano: “Penso ai centri per il rimpatrio o alle navi quarantena, ma anche a qui migranti senza un riconoscimento legale che li obbliga a vivere ai margini, in centro informali. Persino con la pandemia non si è accelerato il processo per l’accesso alla salute”.

Masinara cita le cause giudiziarie a carico persone o organizzazioni che salvano le vite in mare, e che “spesso si estendo indefinitamente: solo a maggio si terrà in Sicilia l’udienza preliminare per gli equipaggi di Iuventa, Medici senza frontiere e Save the Children in relazione alle operazioni di soccorso condotte nel 2016 e 2017”.

Infine, per quanto riguarda gruppi vulnerabili come detenuti, anziani e comunità Lgbt, la responsabile Amnesty ricorda “la morte registrata nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, con denunce di torture e maltrattamenti”, il naufragio della Legge Zan che “avrebbe tutelato dai crimini d’odio la comunità Lgbt e le donne”, “le limitazioni al diritto all’aborto” e infine “l’isolamento prolungato degli anziani chiusi nelle case di riposo”.

Masinara conclude sottolineando che quegli operatori sanitari e socio-assistenziali che hanno denunciato anche l’inadeguatezza di questi luoghi durante la pandemia da Covid-19 “sono stati sottoposti a procedimenti disciplinari ingiusti e ritorsioni dai datori di lavoro”. Secondo la responsabile, “resta ancora evasa la richiesta di Amnesty di istituire una commissione d’inchiesta”.

Da Osservatorio repressione


Also published on Medium.

The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *