Decreto Salvini: come trasformare più di 100mila persone in clandestini

2 Risposte

  1. Tiziano ha detto:

    Caro Thomas, dici: “Sicuramente molti migranti, piuttosto che fare questa fine, lasceranno l’Italia cercando fortuna in altri paesi europei”.
    Ma con le regole attuali in Europa possono chiedere asilo in altri paesi? Mi pareva di no.

    • thomas ha detto:

      Ciao Tiziano. Nell’articolo mi riferivo a migranti che NON otterranno il rinnovo del permesso di soggiorno e dunque diventeranno clandestini. E’ evidente che se sei clandestino in Italia senza possibilità di vivere dignitosamente tanto vale essere clandestino in un altro paese dove però puoi trovare lavoro al nero o dove hai una rete di connazionali che ti aiuti.
      In ogni caso i richiedenti asilo dovrebbero espletare le pratiche nel primo paese UE in cui mettono piede o, per meglio dire, in cui mettono mano, visto che si prendono loro le impronte digitali proprio per verificare che non siano stati prima in altri paesi (c.d. Regolamento Dublino). Anche dopo l’eventuale riconoscimento di una protezione internazionale o Umanitaria potranno soggiornare in altri paesi UE solo per brevi periodi. In Francia e in Germania esiste un vero e proprio sistema di rimpatrio verso i paesi di sbarco come l’Italia. Per esempio se sei entrato irregolarmente in Italia (ad esempio con un barcone) e ti hanno preso le impronte e poi vai in Germania, la Germania ti può rimandare in Italia. Tuttavia se sei entrato irregolarmente in un paese UE che ti ha preso le impronte e poi sei andato altrove, dopo 12 mesi non potrai più essere rimpatriato nel primo paese (nell’esempio di prima la Germania non può rimandare in Italia una persona sbarcata da più di un anno). Infine se non si sa bene da dove sei arrivato ma risiedi (anche irregolarmente) da più di 5 mesi in un paese, puoi presentare la domanda in quel paese.
      C’è poi da dire che questa banca-dati Europea delle impronte digitali in alcuni periodi deve aver funzionato male perché molte persone hanno nascosto i documenti e ricominciato la pratica in altri paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *