La Toscana tra paesaggio e postdemocrazia

Una risposta

  1. Avatar Paolo Degli Antoni ha detto:

    Ha ragione Anna Marson: il PD è un partito antiambientalista, asservito ad interessi particolari. Del resto, il PD titolava il suo primo convegno a Firenze nel 2008, irto di personaggi inquietanti come Leonardo Domenici, Riccardo Conti e Walter Veltroni, “L’ambientalismo del fare”, che è un ossimoro, dato che l’ambientalismo è basato sul rapporto “I limiti dello sviluppo” del 1972 e che il suo motto storico è “meno e meglio, meno è meglio”. Dunque “non si può aggiungere sempre e bisogna avere la forza di riqualificare l’esistente” laboriosamente; il mondo è fin troppo pieno di cose, perché peggiorare ulteriormente la situazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *