Zona rossa, di vergogna. Ecco il decoro di Nardella, ecco la sicurezza di Salvini

Una lavoratrice aspetta l’autobus alla stazione per andare al lavoro, un vecchio precedente ormai probabilmente dimenticato nelle pieghe di giorni e anni di fatiche certamente poco pagate. Un controllo, il trasferimento in caserma per l’allontanamento dalla “zona rossa”, e la notifica della trasgressione (!) dell’ordinanza prefettizia.

Non ha fatto niente di male: se ha un precedente avrà scontato il dovuto, ma questo non può bastare per i solerti gendarmi de noantri, vigili controllori del decoro e della sicurezza. Non sia mai che la nostra (ex) rea si aggiri impunemente per piazza dei Ciompi, o passi dalle Cascine, faccia la spesa in via dell’Ariento, o, appunto, aspetti l’autobus alla Stazione! Ora scatta l’impossibilità di passare da lì come nelle altre 16 zone rosse individuate dalla ordinanza del prefetto Lega (nomen omen), concordata con il sindaco Nardella e rivendicata da Salvini.

Chissà se la signora in questione avrà ancora un lavoro, e se sì come farà a raggiungerlo. E chissà quanto si sentono più decorosi e sicuri Nardella, Salvini e tutti quelli che tengono loro bordone in questo delirio vessatorio.

Che città è quella che si vieta (a pezzi, intendiamoci) ai propri cittadini e cittadine, che riconosce come prioritaria la propria missione di distinguere, espellere, allontanare? Che politica è quella che infierisce sui più deboli, che infligge pene accessorie a reati ormai giudicati, o peggio a semplici denunce, che pur di accaparrarsi un like o un ringhio di soddisfazione dei più beceri passa sopra ad ogni diritto e ogni principio?

Giuristi, avvocati, costituzionalisti stanno smontando l’atto, profondamente iniquo.

Noi rivendichiamo una città diversa, e diversi politici.

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
perUnaltracitta

perUnaltracitta

All'opposizione in Consiglio comunale a Firenze dal 2004 al 2014, la lista di cittadinanza perUnaltracittà è poi diventata laboratorio politico per partecipare alle vertenze sul territorio e dare voce alle realtà di movimento anche attraverso la rivista La Città invisibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *