A chi fa gola Firenze?/9 Guida alle grandi holding che si appropriano della città: Lionstone Development /9

 “Firenze privatizzata per amore (dei soldi)” è uno dei temi di questa scheda n. 9 (qui l’ottava) che pone al centro della riflessione la svendita della Villa Medicea di Cafaggiòlo nel Mugello e l’ex Caserma Vittorio Veneto in Costa San Giorgio a Firenze. La famiglia Lowenstein sceglie la Toscana per amore, la loro società, la Lionstone Development, multinazionale americana con base a Miami Beach, “valorizza”, la cattiva politica locale sta a guardare.

Lionstone Development  

Il gruppo Lionstone Development è una multinazionale americana, con sede a Miami Beach in Florida. Da anni si occupa di investimenti immobiliari nel settore residenziale, commerciale (shopping and gaming) e alberghiero di lusso, all-inclusive.

La proprietà fa capo alla famiglia Lowenstein che, dopo la fuga dalla Germania nazista, si stabilisce in Argentina, dove è protagonista di un florido commercio di carni bovine e di ben avviate attività immobiliari. Successivamente si trasferisce in Florida, a Miami, per investire nell’attività del luxury real estate che attualmente ha raggiunto considerevoli dimensioni. Il presidente è Alfredo Lowenstein, il figlio Diego è l’amministratore delegato. Le informazioni sul gruppo, non essendo quotato in borsa, sono molto limitate: non è dato conoscere l’intreccio delle partecipazioni, l’ammontare delle proprietà, il giro di affari.

La società opera prevalentemente nel sud della Florida, nei Caraibi, ora anche in Europa, sempre alla ricerca di profittevoli occasioni di investimento immobiliare.

Il portfolio attuale della Lionstone consiste in circa 2.000 camere d’albergo e suite, 7.800 metri quadrati di spazi commerciali e strutture per il gioco. La società è proprietaria di alcuni tra i più importanti ed esclusivi alberghi di Miami e South Beach in Florida, di tre hotel e due casinò (con più di 500 slot machine e una quindicina di tavoli da gioco) nell’isola di Curaçao, di un hotel nell’isola di Aruba (uno dei paradisi fiscali dei Caraibi) e di un grande resort a St. Thomas nelle Isole Vergini. Opera quindi in un’ampia area del pianeta da tempo trasformata in un vero e proprio megastore turistico, al servizio delle holding del più ovvio e trito divertimentificio di massa e della luxury accomodation dei ricchi.

Per non farsi mancare nulla, Lionstone ha anche stretto una partnership con il Virgin Group di Richard Branson per fondare una catena di Virgin Hotels, il primo è stato inaugurato a Chicago, molti altri seguiranno.

Nell’ottica di una diversificazione geografica delle attività, a fronte di una saturazione degli investimenti immobiliari in un mercato ormai maturo come quello della Florida del sud e della instabilità politica ed economica dei paesi sudamericani, il gruppo di Miami, anni fa ha deciso di investire in Italia, in particolare in Toscana, sfruttando la generosa disponibilità della politica locale a vendere il patrimonio storico e architettonico di cui non è autorizzata a disporre in modo assoluto ma che dovrebbe conservare, tutelare e amministrare nelle migliori condizioni possibili, per le attuali e per le future generazioni.

Niente di tutto questo!

È diventata prassi consolidata quella di smembrare intere città d’arte, paesaggi rurali storici e preziosi ambienti di vita. Sottratti alle comunità locali, sono servilmente offerti, dalle amministrazioni, alla speculazione immobiliare internazionale, espressione del più bieco e rapace capitalismo finanziario responsabile della devastazione sociale, economica e ambientale del pianeta.

In questo caso ci riferiamo alla clamorosa svendita della Villa Medicea di Cafaggiòlo, al centro della tenuta di 385 ettari ripartiti tra i comuni di Barberino del Mugello e di S. Piero a Sieve-Scarperia, e dell’ex Caserma Vittorio Veneto, in Costa San Giorgio a Firenze, a due passi da Ponte Vecchio.

Patrimonio Unesco dal 2013, voluta da Cosimo il Vecchio, progettata da Michelozzo, adorata da Cosimo I e celebrata da Lorenzo il Magnifico, la Villa Medicea è stata acquistata dai Lowenstein nel 2009 e si trasformerà in un resort “acchiapparicchi” con tanto di alterazione profonda dei valori ambientali, culturali e sociali. Comuni, Regione, Autorità di bacino e Mibact, nello storico protocollo d’intesa del 2011, si sono subito dichiarati disponibili a modificare i propri strumenti urbanistici, a spostare la “fastidiosa” presenza della Statale della Futa, a consentire nuove edificazioni, mentre è proposta anche una variante al PIT per gli impatti paesaggistici e l’aumento delle volumetrie.

Elaborazione dal video “Il sogno di Cafaggiòlo”

Sarà quindi realizzato un maxi resort di lusso che interesserà non solo la Villa medicea ma l’intera valle, i 385 ettari della tenuta. Un investimento da 170 milioni, per 356 suite, 14 ristoranti, 12 bar, laghetti, 3 saune, 3 campi da polo, uno da dressage, golf, calcio, calcetto, due musei, il tutto in perfetto “estilo pampero …. completo di ogni comodità postmedicea”, come afferma l’urbanista Ilaria Agostini.

Ciò che sorprende è l’estensione territoriale dell’investimento, che non ha eguali nel mondo occidentale, paragonabile solo a quelle forme di land grabbing turistico e/o agricolo che ormai devastano i paesi africani, quelli del sud est asiatico o delle isole del Pacifico, e ne sono responsabili della loro spoliazione.

Che non vengano a raccontarci la favola dei posti di lavoro che verrebbero così creati, da 700 a 3.000 (!), perché sappiamo che investimenti del genere sono ad alta intensità di capitale con basso ritorno di occupati, per lo più impiegati in forme precarie e stagionali, come accade nei grandi resort internazionali, dove h/24 le comunità locali sono al servizio di questo capitalismo predatore che, come dice David Harvey nel suo ultimo libro, Geografia del dominio, ha incorporato il potere di “modellare i luoghi, di modificare profondamente i paesaggi, di trasformare le relazioni spazio-temporali”.

Discutibile pure lo storytelling promosso dalla stampa, che vede protagonista la felice e magnanima coppia argentina, innamorata della Toscana e, diciamo noi, soprattutto del suo patrimonio storico e architettonico. Olivia, cittadina di Firenze, laureata in Storia dell’arte, socia di Italia Nostra, guida turistica di Firenze e Provincia, così commenta il presunto colpo di fulmine argentino: “Prima di tutto perché chiamare in causa l’amore? Cosa c’entra l’amore con operazioni puramente commerciali?  È del tutto fuori luogo chiamare in causa l’amore e il rispetto per il patrimonio storico artistico che con queste speculazioni edilizie non c’entrano proprio nulla. Risparmiateci l’edulcorata ipocrisia […] Non preservate nulla, anzi lo stravolgete completamente per i vostri interessi privati quindi non tramandate nulla alla collettività, lo tramandate alle vostre famiglie. Ma forse è proprio questo che intendete con ‘i figli dei nostri figli’. Almeno in questo siete stati sinceri.”
Impagabile la lettura di questa lettera, indirizzata alla coppia argentina. Un testo di grande sensibilità culturale e onestà intellettuale.

A distanza di pochi anni uno scenario simile si dispiega anche a Firenze, dove la romantica famiglia questa volta si “innamora” di uno dei siti storici più significativi e più pregiati della città, l’ex Caserma Vittorio Veneto di Costa San Giorgio, già sede della Scuola di Sanità Militare, immersa nella collina che domina Firenze, a due passi da Ponte Vecchio e a ridosso del buontalentiano Forte Belvedere, di Palazzo Pitti e del Giardino di Boboli.
A fine 2015, a soli 19 milioni di euro, infatti i Lowenstein acquistano dalla Cassa Depositi e Prestiti l’intero complesso costituitosi in seguito alla fusione di due antichi conventi, risalenti all’anno 1000, che si sviluppano intorno a due chiostri e s’inseriscono in un’area di oltre 3,5 ettari.

Dal sito de “Il giornale dell’architettura”

 Si tratta del Convento di San Girolamo alla Costa e di quello di San Giorgio e dello Spirito Santo. Negli anni di Firenze Capitale, le due strutture vennero riunificate e destinate a Reggimento di Fanteria. Nel 1933, gli immobili furono trasformati per ospitare la Caserma Vittorio Veneto e la Scuola di Sanità militare che vi ha avuto sede fino al 1998. Chiusa la caserma, è stato attivato dal Demanio il percorso, ormai ben collaudato, della privatizzazione del bene pubblico che vede la Cassa Depositi e Prestiti tradire l’iniziale spirito per cui era stata costituita e rendersi protagonista dell’ennesima privatizzazione del patrimonio pubblico fiorentino.

Dal sito www.caire.it

Anche in questo caso il Comune si sottrae alle proprie prerogative pianificatorie, ammettendo senza pudore alcuno, nella relativa scheda del Regolamento Urbanistico, la propria incapacità “di operare in questa fase scelte previsionali che permettano di garantire un adeguato recupero del bene di valore storico architettonico e il corretto insediamento di nuove destinazioni d’uso che non costituiscano fattori di criticità a livello urbanistico”, criticità che farà impropriamente risolvere al privato mediante una procedura concorsuale che vede prevalere il Consorzio Caire di Regio Emilia. Il masterplan così elaborato viene acquisito dallo strumento urbanistico comunale, diventandone parte integrante, mentre gli amministratori stanno a guardare.

Come se non bastasse, l’arch. Silvia Viviani, presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica e molto attiva nella vita urbanistica cittadina, è indicata come consulente esterno per le procedure relative alla Variante Urbanistica, a conferma del laissez faire dell’amministrazione.
Nonostante la complessità dell’intervento, questa sarà una “variante semplificata” mentre sembra inutile ribadire che, ai sensi del D. Lgs 42/2004, la struttura ricade in una zona di notevole interesse pubblico e i beni architettonici sono sottoposti a Vincolo di Tutela diretta.
I 12 mila metri quadri di superficie utile del complesso saranno adibiti per l’86% a struttura alberghiera di lusso, per l’8% a strutture commerciali (ristoranti, pizzerie, ecc.), l’1% a strutture commerciali di vicinato e per il restante 5% della superficie ad attività di servizio alla persona e alla residenza.

In un’area sottoposta a Vincolo archeologico e dal fragile equilibrio idrogeologico, sono previsti vari interventi interrati: due autorimesse con accesso carrabile da Costa San Giorgio e da Via della Cava, ambienti di stoccaggio per le cucine e ambienti di servizio per la spa e il centro benessere, collegati tra di loro tramite un percorso carrabile interrato della lunghezza di circa 660 metri, con accesso da Costa San Giorgio.

Dalla scheda urbanistica in variante inoltre notiamo la presenza invasiva della mobilità di servizio: “per i veicoli di servizio è previsto anche il passaggio dall’area del Forte Belvedere, che dovrà avvenire in fasce orarie stabilite da inserire in apposita convenzione. Al fine di garantire la sicurezza dei veicoli in transito lungo Costa San Giorgio per accedere al Complesso dall’ingresso carrabile principale e per uscire in sicurezza, dovranno essere definite modalità e strumenti (pilomat, semafori, senso unico alternato) da inserire in apposita convenzione”.
Non mancheranno un ascensore verticale e un ascensore inclinato o funicolare a cremagliera per il confort degli ospiti dell’albergo.

Anche in questo caso non sono mancate voci autorevoli in difesa della tutela del patrimonio culturale e di denuncia della privatizzazione e dell’accesso per censo alla sua fruizione. Una per tutte: è lo storico dell’arte Tomaso Montanari a constatare “che il grande complesso religioso di Costa San Giorgio non sarebbe stato restituito alla città, e men che meno a quelli che papa Francesco chiama gli ‘scartati’: ma che sarebbe divenuto, invece, un grande resort per milionari. […] Firenze diventa ancor più diseguale; il suo patrimonio pubblico viene privatizzato e messo al servizio del piacere esclusivo di pochi super ricchi; La Pira si rivolta nella tomba […] questa non è più una città: almeno non pigliateci in giro”.

*Antonio Fiorentino

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Antonio Fiorentino

Antonio Fiorentino

Architetto, vive e lavora tra Pistoia e Firenze dove rischia la pelle girando in bici tra bus, auto e cantieri. E’ un esponente del Gruppo Urbanistica di perUnaltracittà di Firenze, partecipa alle attività di Comitati di Cittadini e Associazioni ambientaliste.

2 risposte

  1. Avatar Brunello Martelli ha detto:

    non abito più a Firenze da 5 anni e ho seguito tutte le nove schede sul banchetto di tutti questi innamorati di Firenze.le pietanze sono costituite da palazzi e giardini. Vi stimo e vi ammiro molto per le vostre battaglie.Un saluto

    • Antonio Fiorentino Antonio Fiorentino ha detto:

      Tutti noi la ringraziamo per la sua attenzione, speriamo di poter essere utili a limitare i danni dei “vandali in casa”. Cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *