Potere al Popolo Camp, quattro giorni di bella politica

Una risposta

  1. Avatar Gian L. ha detto:

    D’accordo, si avanza. Ma la stessa scelta dei 10 tavoli tematici della seconda giornata – lavoro, ambiente, scuola, sanità, immigrazione, mutualismo, genere, cultura, ecc. – rivelano come restiamo ancora inchiodati a ciò che chiamerei le sinistre del sistema. Cioè coloro che pur chiamandosi persino, a volte, comunista, rimuovono IL TEMA che dovrebbe stare al centro di tutto, come ben spiega l’argentino Raveli in “Proprietà, patriarcato, ecologia, ecc…” pubblicato mi pare due o tre mesi fa in italiano.

    Se “scordiamo” che l’appropriazione privata dei beni comuni – e non chiamiamo “ambiente” per favore l’ecosistema! – sta alla base di tutto lo sviluppo alienato dell’umanità, che ora denominiamo capitalismo, allora tutto il resto diventa solo elettoralismo, piagnistei, sfoghi-stampa, sinistrismo sistemico e robe simili sottomesse al Capitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *