Morte di Vakhtang Enukdize, la Procura non esclude cause di tipo violento

È presto per dare “un’indicazione precisa e univoca. Non escludiamo al cento per cento cause di tipo violento” così il Procuratore di Gorizia Massimo Lia commenta gli esiti dell’autopsia compiuta sul corpo di Vakhtang Enukdize, il 38enne georgiano “ospite” del Cpr di Gradisca di Isonzo (Gorizia) morto il 19 gennaio “picchiato violentemente dalla polizia“, secondo la testimonianza degli altri detenuti, raccolta anche dal parlamentare Riccardo Magi e da Mauro Palma, garante nazionale delle persone private di libertà. 

Vakhtang Enukdize

L’autopsia “avrebbe escluso cause traumatiche” secondo alcune indiscrezioni raccolte dalla Rai del Friuli Venezia Giulia. “Le indagini – ha invece aggiunto il Procuratore – proseguiranno perché al momento non ritengo corretto dare un’indicazione precisa e univoca di quanto accaduto anche perché nessuno ha in mano la relazione del medico legale, che si è riservato di fare i necessari approfondimenti”.

La Procura di Gorizia si muove quindi cautamente e non archivia il caso come vorrebbero invece i sindacati di polizia e i politici di destra che chiedono la chiusura di un’indagine appena iniziata per allontanare così lo spettro di un nuovo caso Cucchi. Loro chiedono “immediate scuse” a chi ha ricollegato la morte di Vakhtang al caso del giovane romano ucciso dai Carabinieri.

Noi chiediamo invece la chiusura di quei centri infami di detenzione amministrativa che “ospitano” persone senza colpa, e che sono comunque luoghi di violenza e di diritti negati. La magistratura non subisca pressioni indebite dalla politica e lavori con serenità per accertare la verità.

Cristiano Lucchi

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Cristiano Lucchi
Cristiano Lucchi, giornalista e mediattivista, ha fondato e diretto l’Altracittà – giornale della periferia. Ha pubblicato “Autopsia della politica italiana” (2011), “L’imbroglio energetico” (2012), “Il Laboratorio per la Democrazia. La politica dal basso” (2012). È un attivista di perUnaltracittà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *