No, non andrà tutto bene  

5 risposte

  1. Avatar Valerio ha detto:

    Splendido articolo. Integrabile solo ricordando:
    1) la necessità di riconvertire le spese del ministero della difesa (da militare a civile) per avere le risorse necessarie alla difesa della popolazione;
    2) tutti i segreti che impediscono la trasparenza della conoscenza e dell’informazione (privacy, segreti professionale, d’ufficio, industriale, militare, di stato,..)

  2. Avatar Arturo Ghinelli ha detto:

    Splendido articolo come nativo abitante della Pianura Padana avevo fatto delle ipotesi empiriche sul tema inquinamento.Abito a Modena città che supera tutte quelle della regione per lo sforamento quotidiano delle polveri sottili nell’aria. Come nonno di due splendidi nipotini sono fortemente preoccupato per la loro salute perché non vedo cambiamenti di paradigma all’orizzonte .

  3. Avatar Roberto Renzoni ha detto:

    Articolo di rara competenza e precisione e me ne compiaccio con l’autore. Si sposa benissimo con quello apparso su “Le Monde diplomatique” pubblicato dal Manifesto nel corrente mese e dal titolo “Contro le pandemie, l’ecologia”di Sonia Shah. Un passaggio dell’articolo di Garetti che recita come il contributo umano al diffondersi del virus “….. ci sta portando diritti verso la sesta estinzione di massa…..” non mi trova completamente d’accordo. La sesta estinzione di massa è in atto da decenni, testimoniata da un libro apparso circa vent’anni fa ed in sostanza trascende l’homo sapiens, ovvero è sopra di lui; che poi egli la aggravi è nello spirito del presente articolo e di quello citato.

  4. Avatar Piersilvio ha detto:

    Penso ci sia un errore riguardo alla stima della popolazione mondiale di 11 miliardi di persone nel 2030.
    Il World population prospects 2019 del Dipartimento degli affari economici e sociali delle Nazioni unite prevede il raggiungimento di 11 miliardi di abitanti alla fine del secolo (più o meno, scenario medio).
    Nello stesso scenario medio nel 2030 calcheranno il pianeta 8,5 miliardi di persone.
    Non che siano poche, sia chiaro…

    • Gian Luca Garetti Gian Luca Garetti ha detto:

      Caro Piersilvio, c’è stato un mio deprecabile refuso, nella trascrizione dell’articolo.In effetti gli 11 miliardi sono proiettati nello scenario di fine secolo. Il senso però è che
      da subito la società deve ridurre al minimo le conseguenze negative della crescita agricola e non aspettare il 2100. La ringrazio per l’attenzione, gluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *