Report a Firenze con perUnaltracittà, ecco il video della speculazione in corso

Firenze svenduta a speculatori e faccendieri, ora è una città fantasma, senza turisti e soprattutto senza abitanti. La classe politica ed economica responsabile di questo disastro è sempre lì e pretende di gestire il dopo Covid. Non sarà il caso di fermarli? Non sarà il caso di mettere in discussione il modello economico dello sfruttamento turistico della città per restituirla ai suoi abitanti, vecchi e nuovi?

Report, guidata dagli urbanisti di perUnaltracittà, ha indagato all’interno della serie #Svenditalia.

Ecco il servizio di Giuliano Marrucci andato in onda ieri Rai Tre: sul sito della Rai o su Facebook per la condivisione.

E qui le 10 schede della serie A chi fa gola Firenze che abbiamo pubblicato a cura di Antonio Fiorentino, e in cui si rintracciano le grandi holding che si stanno appropriando di molti edifici prestigiosi a Firenze. Oltre agli esempi citati nella trasmissione di Report i casi di svendita del patrimonio immobiliare a grandi investitori stranieri sono innumerevoli.

 

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Una risposta

  1. Avatar Roberto Renzoni ha detto:

    Buon servizio. Mi limito a segnalare sempre nel tema della svendita del patrimonio immobiliare di Firenze e dintorni, la villa medicea di Montelupo fiorentino, ex manicomio dismesso per trasferimento degli ‘abitanti’ e vuota da anni. Quale sarà la sua fine? Sarebbe ottima una sua trasformazione con interventi irrisori in biblioteca pubblica, con sale per conferenze, cinema di qualità e simili. Il tutto pubblico, mi ripeto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *