Aiutiamo i biblioprecari a rientrare a lavoro, firmiamo la petizione

Vi abbiamo già raccontato la vicenda dei bibliotecari precari che lavorano all’interno del grande appalto delle biblioteche del Comune di Firenze. Tra pochi giorni, il 15 giugno, scadrà il loro, al momento, unico ammortizzatore sociale ovvero la FIS (fondo di integrazione salariale) e resteranno senza stipendio e senza la certezza di riprendere il lavoro. Proprio per questo hanno organizzato una raccolta firme per chiedere la riapertura ad orario pieno delle biblioteche e il loro rientro sul posto di lavoro.
La raccolta firme è iniziata l’11 e andrà avanti fino al 19 giugno, i biblioprecari saranno davanti alle biblioteche Oblate nel centro storico, Luzzi a Coverciano e BibliotecaNova all’Isolotto i giorni martedì e giovedì dalle 16.00 alle 19.00 e il mercoledì e il venerdì dalle 10.00 alle 13.00.
Mentre sabato 13 giugno saranno al giardino dell’orticoltura fuori dalla biblioteca ancora chiusa e e terranno letture animate e Kamishibai, il teatro di carta giapponese, per i bambini che ancora non possono rientrare nelle sezioni delle biblioteche a loro dedicate perché ancora chiuse.
Per chi non potesse recarsi fisicamente nei luoghi della raccolta firme, a questo link si può sottoscrivere la petizione on line su Change.org.

A seguire il comunicato dei biblioprecari.
—————————————————

Riapriamo le biblioteche di Firenze, facciamo rientrare bibliotecari e archivisti!

Ad oggi, noi lavoratori esternalizzati delle biblioteche comunali fiorentine e dell’archivio storico, dopo solleciti di ogni tipo, non abbiamo ottenuto alcuna risposta sul nostro futuro dal sindaco Nardella né dall’assessore alla cultura Sacchi.
Vogliamo tornare a lavorare, chiediamo che vengano riaperte tutte le biblioteche e l’archivio storico in modo da permettere un servizio più ampio, capace così di rispondere alle richieste della cittadinanza, vogliamo essere considerati parte integrante e non rinunciabile di un servizio essenziale e importantissimo per tutta la comunità, presidio di democrazia ancora più vitale in un momento come questo.
#RinasceFirenze se si tutela il lavoro e si garantisce il diritto all’accesso alla cultura e all’informazione.

Per questo, dopo il flash mob del 26 maggio scorso davanti a Palazzo Vecchio, abbiamo deciso di organizzarci nuovamente per far sentire la nostra voce:

– abbiamo lanciato una petizione da rivolgere alla cittadinanza, già online dall’ 8 giugno: https://www.change.org/p/dario-nardella-riapriamo-le-biblioteche-di-firenze-facciamorientrare-bibliotecari-e-archivisti

– daremo il via ad una raccolta firme di fronte alle biblioteche delle Oblate, Luzi e Bibliotecanova Isolotto, da giovedì 11 fino a venerdì 19, durante l’orario di apertura dei servizi

– sabato 13 giungo alle ore 16 ci troveremo davanti ad una delle biblioteche rimaste chiuse, quella dell’Orticoltura, e proporremo letture animate e kamishibai per i bambini. Per un pomeriggio ci riapproprieremo del nostro lavoro restituendolo alla comunità.

Dal 26 maggio sono state riaperte solo 5 biblioteche delle 13 comunali fiorentine, con orari ridottissimi e distribuiti soltanto su 4 giorni la settimana; l’archivio storico ha riaperto solo poche ore e unicamente per la sola consultazione.
100 lavoratori sono rimasti a casa: i bibliotecari e gli archivisti esternalizzati che da anni garantiscono non solo aperture ampie, ma anche competenze e professionalità. Dopo un breve periodo di smart working, siamo in FIS (fondo di integrazione salariale) da aprile e ad oggi ancora non abbiamo ricevuto alcuna risposta dall’amministrazione riguardo al nostro reintegro in servizio. Il FIS scadrà il 15 giugno, l’appalto il 30 giugno.
100 lavoratori, 100 famiglie, 100 vite tenute in sospeso; un servizio, quello delle biblioteche e dell’archivio storico, giustamente considerato essenziale fino a poco tempo fa, ed oggi travolto da decisioni piegate soltanto ad una logica di riduzione delle spese.

Contatti:
biblioprecarifirenze@gmail.com
https://www.facebook.com/biblioprecariFI/
https://instagram.com/biblioprecari?igshid=ku63d5jp83y3

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *