Diritto alla Salute: nove proposte per il Servizio Sanitario Nazionale

Potenziare e riqualificare il Servizio Sanitario Nazionale al di là dell’emergenza Covid-19;
Respingere le richieste di regionalismo differenziato;
Tutelare la salute sui luoghi di lavoro e di vita.

Incrementare progressivamente nei prossimi 4 anni il Fondo Sanitario Nazionale di almeno 40 miliardi e aumentare i fondi per la ricerca pubblica di base, traslazionale ed applicata, in forma congiunta tra Università, Istituti di Ricerca e Servizio Sanitario Nazionale, destinando a tal fine finanziamenti del Recovery Fund, come previsto dal piano Next Generation EU;

Destinare le maggiori risorse a piani di potenziamento e riqualificazione delle strutture pubbliche sanitarie e sociosanitarie elaborati dalle Regioni, col coinvolgimento dei Comuni e sulla base di standard nazionali approvati dal Parlamento (LEA). Tali piani debbono essere messi a punto alla luce delle gravi lacune generate da decenni di sottofinanziamento e privatizzazioni e messe in evidenza dall’epidemia Covid-19, e vertere su tre assi verticali territorio e sanità di prossimità, ospedali in rete e salute e ambiente e due trasversali conoscenza per la salute e innovazione digitale per il Ssn, già indicati dal ministero.

Abbandonare e invertire il processo di esternalizzazione dei servizi e dell’accreditamento di erogatori privati, che assorbono ormai gran parte dei finanziamenti superando il 50% in molte Regioni, attraverso un esteso percorso di ritorno alla gestione diretta.

Abolire le agevolazioni fiscali per le prestazioni integrative e sostitutive dei livelli essenziali di assistenza acquisite privatamente sia in forma diretta che intermediata da assicurazioni e fondi sanitari e attuare il Piano Nazionale di governo delle Liste di Attesa per il Triennio 2019-2021 in tema di rimborso delle spese sostenute dai cittadini per inadempienza dei servizi.

Abolire il numero chiuso in Medicina e Chirurgia, in tutti i corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie e di interesse Sanitario, eliminare l’imbuto formativo per l’accesso ai Corsi di Specializzazione e piena integrazione col personale e le strutture del Servizio Sanitario Nazionale.

Istituire il contratto nazionale unico per tutti gli operatori sanitari compresi i medici e i pediatri di base e gli specialisti ambulatoriali convenzionati.

Realizzare un’industria pubblica del farmaco, dei reattivi di laboratorio e dei dispositivi biomedicali, contro speculazioni e ricatti delle multinazionali farmaceutiche, coinvolgendo le strutture del Servizio Sanitario Nazionale e quelle militari già deputate alla produzione di farmaci.

Ridurre le dimensioni delle ASL e dei Distretti e democratizzarle col superamento della figura del Direttore Generale e il recupero della centralità della partecipazione diretta degli assistiti, delle loro associazioni e dei Comuni attraverso la previsione nelle norme regionali del carattere concorrente e vincolante delle procedure di indirizzo, valutazione e controllo delle Conferenze Territoriali dei Comuni.

Respingere le richieste di regionalismo differenziato già avanzate da Lombardia, Veneto ed EmiliaRomagna, e contrastare il sovranismo delle regioni e dei loro sistemi di potere con la rimodulazione dei Livelli Essenziali di Assistenza e l’inserimento di standard delle strutture sanitarie e socio-sanitarie definiti dal Parlamento, con il ricorso all’art.120 che consente al Governo di sostituirsi a organi delle Regioni in caso di pericolo grave per l’incolumità e la sicurezza pubblica, ovvero quando lo richieda la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, attuando una leale collaborazione tra Stato, Regioni e Comuni, nello spirito della legge 833/78, restituendo ad ognuno il ruolo previsto dall’ art. 114 della Costituzione tramite Patti per la Salute quale strumento attuativo della programmazione nazionale, senza modifiche della Costituzione vigente e senza ulteriore regionalizzazione della funzione legislativa.

*Forum per il Diritto alla Salute

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *