Pessima stampa & pessima politica, il caso della Scuola Marconi di Firenze

5 risposte

  1. Avatar simone ha detto:

    Ricordiamo la famosa frase attribuita a Morgan Freeman: “No, non è omofobia. Perchè tu non hai paura. Tu sei stronzo”

  2. Avatar Iacopo ha detto:

    Dicono manchi una ricerca scientifica, che confermi un guadagno dei bambini nel vivere le abitudini delle bambine e viceversa. Se vero, allora anche la teoria gender esiste.

    • Erica Erica ha detto:

      Non esiste la “teoria gender”, che è un’espressione coniata da ambienti ultracattolici. Esistono gli studi di genere, che sono altra cosa. E l’idea che il genere non sia solo naturale, ma anche determinato dai condizionamenti sociali.
      Superare gli stereotipi di genere, infine, sarebbe sicuramente un passo per costruire un mondo migliore e inclusivo.

  3. Avatar Iacopo ha detto:

    Temo d’aver spostato la questione dai fatti alle parole. Tento un’inversione. Esistono ricerche di psicologia e psichiatria infantile circa lo scambio d’abitudini fra bambine e bambini? Se sì, da queste risulta che lo scambio crei disturbi o benessere? Se no, serve cautela, perché la psiche infantile può essere delicata. Eventualmente non si potrebbe prima scambiare le abitudini fra consapevoli donne e uomini?

    • erica erica ha detto:

      io non capisco bene quale sia il centro del suo ragionamento, o meglio: mi pare che lei voglia dire delle cose ben precise, ma invece di dirle e basta sposti il fulcro del ragionamento su argomenti di ricerca scientifica. Intanto qui nessuno ha parlato di scambi di abitudini, per quanto non capisco quali siano le abitudini di bambini e quali quelle di bambine. Crescere un’infanzia educata al rispetto e al superamento di stereotipi di genere non credo crei disturbi nei bambini e bambine ma invece li prepari a una società inclusiva e non vedo in questo pericoli per la psiche di nessun*. Sulla sua domanda finale, credo non ci sia da rispondere nulla se non che si spera bene che in una società avanzata culturalmente non esistano abitudini da maschi e abitudini da femmine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *