Sotto il lampione

I lampioni nei parchi sono un bene da tutelare.

Molti sono centenari, di ghisa, adorni di volute, foglie d’acanto, bacche e grifi, con lampade a lanterna o a globo. Altri, semplicemente funzionali, ben riusciti se passano inosservati: non si dovrebbe vedere il palo, ma solo la luce.

Quando si gira nei parchi, l’unico segno visibile di umana presenza a un occhio distratto sono lampioni e panchine, tutto il resto (alberi arbusti pietre sentieri) finge di essere naturale.

I lumi vengono posizionati a distanze regolari tra alberi posti a distanze ugualmente calibrate, oppure addossati al margine di un laghetto o di un canale, a specchiarcisi dentro.

Ci sono due filosofie da seguire, antitetiche: quella che vuole il lampione al servizio del paesaggio e quello che lo considera un sistema di controllo.
E’ al servizio del paesaggio quando è un po’ fioco, esalta la rifrazione cerea del fogliame senza sovrapporre la sua luce a quella del sole morente o della luna; è strumento di controllo quando piove sulle panchine e sui viottoli come la lampada del commissario.

Certamente anche i vecchi lampioni, meno invadenti, avevano una funzione di regolazione e controllo: il flaneur si sentiva libero ma doveva seguire il percorso tracciato dai lumi, nessun dandy era tanto autodistruttivo da allontanarsi da quelle molliche di luce nelle sue passeggiate, poteva al massimo andare contromano…

Gli ultimi lampioni però hanno una luce diversa, da faro che insegue l’evaso, perfettamente in linea con la gendarmizzazione del mondo, il famoso reset di cui tutti parlano.

Tesi e antitesi
In attesa di una sintesi originale, segnalo i lumini rasoterra che illuminano i parchi delle ville private. Certamente la luce che sale dal basso ha un aspetto sinistro (i nazisti la amavano e nel cinema si associa alle potenze infernali), ma è un’alternativa alla luce che piove dall’alto come se fosse l’occhio che tutto vede e da cui non mi interessa essere spiato.

*Massimo De Micco

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Massimo De Micco

Massimo De Micco

Massimo de Micco, 1972, fiorentino, essendo cresciuto negli anni Ottanta e Novanta si ritrova una formazione psicologica, una partita iva e una ricca e variegata esperienza professionale nel campo della formazione, ma è anche illustratore,fumettista e cartoonist. Ha partecipato a iniziative culturali, sociali e politiche di varia natura, a condizione che fossero libere, solidali e auto-organizzate, dagli Studenti di Sinistra a Kykeion, da Violetta van Gogh a Black Notes, da Fuoribinario a Radio Cora. E' tra i fondatori del gruppo Palazzuolo Strada Aperta che ha dato vita in questi anni alla Book Bike e si appresta ad aprire a Firenze la Biblioteca Riccardo Torregiani.
Massimo De Micco

Ultimi post di Massimo De Micco (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *