G20: i maggiordomi di Big Pharma

“In molte economie avanzate la pandemia è sempre più sotto controllo, ma purtroppo non è così nei Paesi più poveri del mondo. Ci sono state delle enormi disuguaglianze in termini di accesso ai vaccini. La ripresa globale è caratterizzata dalle stesse disparità. Dobbiamo fare di più, molto di più per aiutare i Paesi più bisognosi”. Così si esprimeva il Presidente del Consiglio Draghi pochi giorni prima della riunione del G20 sulla salute.

“Una sola salute” aveva chiosato a ruota il ministro Speranza.

Parole in libertà, perché quando si è trattato di passare ai fatti, ovvero decidere la sospensione dei brevetti sui vaccini come richiesto da oltre 100 paesi del sud del mondo, ecco i rappresentanti dei governi dei paesi più ricchi, allineati e coperti, trasformarsi in maggiordomi delle imprese multinazionali del farmaco.

Non sia mai che dopo aver speso centinaia di miliardi pubblici per la ricerca dei vaccini, adesso si pensi di impedire i profitti privati, in nome di un generico diritto alla salute!

Per le multinazionali di Big Pharma il meccanismo è tanto diabolico quanto perfetto.

La pandemia richiede i vaccini; data l’enorme domanda e il possesso esclusivo dei brevetti il prezzo dei vaccini sale alle stelle; i paesi ricchi pagheranno fino all’ultimo centesimo, i paesi poveri non potranno far nulla; ma se i paesi poveri non potranno accedere ai vaccini, allora il virus continuerà a circolare, producendo varianti, che richiederanno nuove dosi se non addirittura nuovi vaccini, in un infinito gioco dell’oca che produrrà milioni di morti nei paesi poveri e una “convivenza” perenne col virus nei paesi ricchi, con enormi spese per ogni ciclo vaccinale, che diventano lauti profitti per le multinazionali.

Marco Bersani

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Marco Bersani

Marco Bersani, laureato in filosofia, è dirigente comunale dei servizi sociali. Socio fondatore di Attac Italia, e tra i portavoce del Genoa Social Forum nel luglio 2001, è tra i principali animatori del Forum italiano dei movimenti per l’acqua che ha dato vita alla vittoriosa campagna referendaria del 2011. È fra i promotori del Forum per una nuova finanza pubblica e sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *