Riappropriazione a autogestione contro il deserto urbano

  • Tempo di lettura:1minuto
image_pdfimage_print

POLVERIERA6MARZO2016Nell’età della mercificazione globale, gli amministratori si arrendono al diktat neoliberista: “Il bene di tutti nelle mani di pochi”. E così città e territorio vengono usati per far cassa. Firenze è in saldo: il sindaco si traveste da piazzista per mercanteggiare e promuovere immobili pubblici e privati alle fiere della speculazione immobiliare. La lista degli edifici in vendita si allunga di giorno in giorno, di delibera in delibera. La Cassa Ddepositi e Prestiti compra e rivende agli amici del rottamatore, che ci speculano. La Città metropolitana – ex Provincia – presieduta dallo stesso Nardella, mette all’incanto la sede della Questura e le caserme dei pompieri. Il Demanio smette e dismette le caserme. Le Ferrovie vendono la Leopolda e il “sindaco/mercante in fiera”, per l’occasione, cambia verso e si affretta ad acquistare l’edificio simbolo del renzismo. La Regione Toscana non è da meno: Rossi si allinea e appende il cartello “Vendesi” su villa Fabbricotti, palazzo Bastogi, villa Basilewsky.

Nei centri storici desertificati e nelle periferie, la riappropriazione di aree di proprietà pubblica, vuote o in dismissione, è invece garanzia di rigenerazione urbana e sociale, di inveramento di pratiche dal “basso” e di sperimentazione di autogoverno e autogestione del bene comune.

Fuori i beni comuni dal Mercato! Riuso sociale delle aree dismesse e dei beni pubblici!

 

The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *