Seminiamoli! Presidio contadino e scambio di semi

  • Tempo di lettura:2minuti
image_pdfimage_print
Senza l’agricoltura contadina e i sistemi agroecologici locali, l’industria del cibo è solo una grande macchina che produce immense quantità di cibo spazzatura sfruttando il lavoro e la terra.
 
Nonostante l’infinità di restrizioni, ostacoli e limiti burocratici imposti sia a livello nazionale che comunitario, i contadini e le contadine e la miriade di piccole produzioni che si oppongono al modello standardizzato e mortifero dell’agroindustria, continuano a resistere e creare comunità nei propri territori.
 
Di fronte alla crisi ecologica, all’emergenza climatica, alle inaccettabili condizioni di sfruttamento sul lavoro nel settore agroalimentare.
 
Qual è l’agricoltura che vogliamo?
Un’agricoltura fatta di scambio di saperi, di mutuo aiuto, di cura della terra e della comunità, e non certo che favorisca le grandi aziende e la produzione industriale, come continua ad inidirizzarla l’Unione Europea, approvando piani come la nuova Politica Agricola Comunitaria (PAC).
 
Sabato 28 Febbraio invitiamo tutt* a partecipare al presidio contadino in Piazza Tasso a Firenze, dove da anni, grazie al supporto del quartiere, si tiene ogni venerdì il mercato contadino.
 
PROGRAMMA DELLA GIORNATA:
– ore 10.00: “Seminiamoli!”
Scambio di semi, piantine, marze e lieviti autoprodotti
– ore 14.30: “Ripartiamo dai semi”
Breve azione teatrale in piazza
– ore 15.30: “Dalle stelle alle stalle”
Come le istituzioni sovvenzionano l’agribusiness a discapito dell’agricoltura contadina:
– la PAC, Politica Agricola Comunitaria
– Presentazione del percorso del Coordinamento Contadino Toscano
 
*Coordinamento Comunità Contadine Toscane

Also published on Medium.

The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *