Oxfam, la pandemia ha fatto esplodere le disuguaglianze

  • Tempo di lettura:2minuti
image_pdfimage_print

È uscito il rapporto Oxfam La Pandemia della disuguaglianza, che chiarisce in maniera inequivocabile la tendenza mondiale alla concentrazione delle ricchezze nelle mani di pochi. “Già in questo momento i 10 super-ricchi detengono una ricchezza sei volte superiore al patrimonio del 40% più povero della popolazione mondiale, composto da 3,1 miliardi di persone. – ha detto Gabriela Bucher, direttrice di OXFAM International – Se anche vedessero ridotto del 99,993% il valore delle proprie fortune, resterebbero comunque membri titolati del top-1% globale”.

Dal rapporto emerge come nei primi due anni della pandemia i 10 uomini più ricchi del mondo hanno più che raddoppiato i loro patrimoni, e, nel frattempo, ogni 26 ore un nuovo miliardario si è unito al ristretto club degli oltre 2.600 super-ricchi le cui fortune sono aumentate di ben 5 mila miliardi di dollari, in termini reali, tra marzo 2020 e novembre 2021.

Le disuguaglianze sono esplose anche in Italia dove alla fine del 2020 la distribuzione della ricchezza nazionale netta vedeva il 20% più ricco degli italiani detenere oltre 2/3 della ricchezza nazionale e il top-10% (in termini patrimoniali) della popolazione italiana possedeva oltre 6 volte la ricchezza della metà più povera della popolazione. Non sfugge al rapporto il fenomeno degli working poors e il fatto che a pagare la crisi economica innescata dalla pandemia in termini di perdita di lavoro sono stati principalmente le donne e i giovani.

Il report non risparmia le critiche al Governo italiano, principalmente alla recente riforma fiscale che Oxfam definisce ‘orientata in modo preponderante a favorire la crescita economica, tradizionalmente intesa come crescita del PIL e con una marcata sottovalutazione della dimensione sociale dello sviluppo sostenibile a cui dovrebbe idealmente contribuire’.


Also published on Medium.

The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *