Appello: mai rottamare e svendere Firenze

Stampa l'articolo

Un’apparentemente “piccola” e “insignificante” modifica delle norme del Regolamento Urbanistico del Comune di Firenze, approvata dalla Giunta Nardella, potrebbe avere un dirompente effetto sulla città e sulle condizioni di vita dei suoi, residuali, abitanti.

Per questo motivo vi chiediamo di unirvi alla mobilitazione in corso e di sottoscrivere questo appello.

La Variante all’art. 13 del Regolamento Urbanistico consentirà di alterare il Patrimonio insediativo e ambientale della città – e quindi della sua specifica storia bimillenaria – tramite una semplice cancellazione dell’obbligatorietà del restauro, oggi vigente, con l’introduzione della ristrutturazione edilizia “leggera”, ossia della ristrutturazione edilizia con alcune, poche, limitazioni. Ciò permette di manomettere profondamente sia i monumenti che il tessuto urbano storico. La finalità è di favorire la rendita edilizia e turistica che costruttori, speculatori e fondi immobiliari possono estrarre dal corpo vivo della città.

Sarebbe il lasciapassare incontrollato per la frammentazione sempre più estesa di parti consistenti, sia di antica origine che più recente, del tessuto urbano di Firenze e della sua popolazione, una frantumazione della stessa cultura della città. Una vera e propria “rottamazione” con conseguente svendita delle parti frantumate al miglior offerente.

Questa Variante è un ulteriore atto di selezione sociale in una città attraversata da milioni di turisti ma povera di abitanti.

È necessario che nessuno si renda complice della distruzione del Patrimonio storico architettonico e del Centro urbano. Poiché la distruzione del Bene Comune Centro Storico è irreversibile.

Il tessuto storico diffuso, patrimonio di base dell’intera città e dei suoi stessi monumenti, luogo della vita associata e collettiva e della fondazione della città, oggi è ridotto a merce. La ricchezza figurativa e formale dell’ambiente di vita è stata la base della creatività di Firenze nel tempo e lo sarebbe tutt’oggi, ma sta per essere venduta e demolita a pezzi, casa per casa, palazzo per palazzo, con buona pace dell’Unesco.

Firenze diviene una piazza per speculazioni immobiliari, un luogo dequalificato, povero socialmente e culturalmente. Diviene un banchetto per “investitori”, per profittatori internazionali e locali.

Non possiamo tollerarlo. È urgente una coalizione tra abitanti, turisti e cultori del patrimonio storico della città. Tutti insieme possiamo operare per respingere l’ignobile Variante al Regolamento Urbanistico, per resistere e riappropriarci della città, facendola rinascere.

Per questo motivo vi chiediamo di unirvi alla mobilitazione in corso, di sottoscrivere questo appello e di diffonderlo.

Inviare le adesioni a:
Antonio Fiorentino – fioren.bis@gmail.com  
Saranno pubblicate su “La città invisibile” (www.perunaltracitta.org) e inviate al più presto ai consiglieri comunali di Firenze.

E’ possibile sottoscrivere su https://www.change.org

ADERISCONO e CONDIVIDONO:
perUnaltracittà/Firenze – Alterpiana/Firenze – Miriam Amato/Consigliera Comunale Firenze/Potere al popolo – Ornella De Zordo – Ilaria Agostini – Giorgio Pizziolo – Paolo Berdini – Giovanni Semi – Luigi Piccioni – Comitato San Salvi chi può – Comitato Oltrarno Futuro – Spazio InKiostro – Assemblea per la piana contro le nocività – Clash City Workers – Potere al popolo/Firenze – Presidio NO Inceneritori No Aeroporto – Csa Next-Emerson – Firenze Riparte a sinistra – Comitato No Tunnel TAV – Medicina Democratica Firenze – Confederazione Cobas Firenze – Per una cittadinanza attiva/Bagno a Ripoli – Orto Collettivo – Comitato No Tunnel Tav – Cobas ATAF – Comitato per piazza Brunelleschi – Maurizio De Zordo – Roberto Checcucci – Tiziano Cardosi – Fiammetta Benati – Antonio Fiorentino – Antonella Pecchioli – Francesca Conti – Enrica Capussotti – Paola Pachi – Barbara Zattoni – Roberto Menichetti – Gilberto Pierazzuoli – Adolfo Guadagni – Fabrizio Bertini – Andrea Berti – Maria Milani – Gabriella Sacchetti – Daniele Vannetiello – Gian Luca Garetti – Roberto Budini Gattai – Marta Casoli – Moreno Biagioni – Cristina Di Palma – Laura Santoro – Tommaso Grassi – Donella Verdi – Cristiano Lucchi – Giacomo Trombi – Quinto D’Amico – Irene Andreoli – Alidina Marchettini – Isabella Horn – Laura Lenti – Paolo Della Bella – Angelo Baracca – Fabio Berni – Maria Grazia Campari – Gianfranco Tomassini – Maurizio Frare – Cristina Bini – Cinzia Piccinotti – Calliope Costa D’Ambrosio – David Carretti – Francesca Marrazza – Stefano Marri – Roberta Magrini – Mila Macchi – Paolo Di Pirro – Franco Aspite – Mariateresa Adhara – Paolo Giuntini – Barbara Bianco – Mila Macchi – Ludi Yogaretreats – Fabrizio Stefanini – Flavio Coppola – Antonella Amerini – Marco Giovannoni – Maria Cristina Ferrari – Eleonora Barbieri – Maurizio Bencistà – Chiara Maestrini – Marco Giovannoni – Stefano Marri – Titti Maschietto – Vale Rossi – Gemma Urbani – Paola Errani – Mara Butera – Cecilia Mazzoni – Stefania Giannini – Silvia Bensi – Cinzia Di Fenza – Serena Tarabini – Ilva Palchetti – Jessica Calosci – Luisa Federici – Violante Pallavicino – Ornella Mariotti – Beatrice Bensi – Alessandro Cini – Patrizia Manni – Lucia Baschieri – Paolo Boschi – Valerio Pellegrini – Francesco Buttari – Francesco Landi – Tosca Ballerini – Roberto Ballerini – Primetta Lazzeri – Grazia Magni – Renate Di Giorgio ……………….. più altre 750 firme.

Stampa l'articolo

Also published on Medium.

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *