Categoria: Mezzi e mezzucci

A cura di Massimo De Micco

Retrobottega

Dal treno appare la città invisibile, quella dietro i cancelli, dietro le facciate e dietro i ristoranti. La città dei retrobottega. La città dei retrobottega si mostra al meglio quando il convoglio rallenta prima di entrare in stazione. Allora le immagini scorrono … Leggi tutto

La risalita

All’Abetone è conservato un esemplare dello Slittone, rudimentale impianto di risalita che portava gli sciatori a monte. Entrato in funzione nel 1938, lo slittone aveva dei pattini di legno e ferro su cui poggiavano alcune panche di legno, molleggiate da balestre … Leggi tutto

Le sirene

E’ estate, la gente è al mare e se si resta in città i vetri sono aperti, capita di sentire le sirene. Qualcuno, dall’alto di un promontorio o di un palazzo, può seguire le loro scie.
 
Tra le fruscianti fronde
Leggi tutto

Pompa magna

Un sindaco di piccola statura, messo lì in sostituzione di un più grosso calibro, ha deciso di dare una ripulita alla città. Che cosa ha fatto allora? Ha colpito duramente la speculazione edilizia? Ha denunciato casi di corruzione? Niente di tutto … Leggi tutto

Il Trolley

Da strisciante portabagagli a icona della reazione: così il trolley, dopo aver invaso le nostre città, si appresta a distruggerle. Mi riferisco all’uso politico che ne sta facendo Caio figlio di Tizio ora che si è svegliato e pensa di trovarsi … Leggi tutto

Scontro di titani

Le immagini in politica: idee senza parole, le definiva Furio Jesi, assegnandole senza ripensamenti alla destra. Aggiungendo subito che idee senza parole erano anche nel repertorio staliniano e in quello brigatista, ma appunto come imposizione della gerarchia laddove la sinistra … Leggi tutto

Babele e barbarie

Zecca Vecchia Nazionale, una fermata d’autobus come tante altre, con il doppio nome. La tramvia della stessa città ne sciorina altre: Alamanni Stazione, Nenni Torregalli… una dopo l’altra, come è ovvio per un mezzo che si muove sui binari.

Meno … Leggi tutto

La Biblioteca Nazi

Attraversando distrattamente le strisce dove la segnalazione luminosa prevale su quella dipinta, mi trovai addosso il bestione arancione. Il tempo di guardare in su e di schivare lo specchietto che mi avrebbe dato una potente scoppola e cominciai a lamentarmi: “Non arrivano … Leggi tutto

L’ingorgo

Dove una grande strada si gettava placidamente in una grande piazza, ora c’è una diga di transenne betoniere e lavori in corso: è la tramvia.

Agli automezzi resta appena lo spazio di manovra portandosi via qualche brandello di muro, agli … Leggi tutto

Sentieri interrotti

Ci sono sentieri anche in città: attraversano i giardinetti e i parchi. E’ una rete invisibile e fitta che in certe zone collinari disegna addirittura una dorsale lunga e variegata di essenze e di esperienze. Percorrerli richiede bel tempo, pazienza … Leggi tutto