Aeroporto: salta il regalo di Natale di Renzi a Carrai

Renzi voleva fare il regalo di Natale a Carrai: aria, suolo, salute delle popolazioni della Piana. E tanti soldi.

Come? Cambiando le regole del gioco per l’approvazione del nuovo aeroporto di Firenze che stenta a decollare.
Un emendamento alla legge finanziaria, passato nottetempo in Commissione Bilancio della Camera – e poi ritirato all’alba dai proponenti- avrebbe fatto rientrare il progetto nell’applicazione della Legge Obiettivo del 2001 voluta da Berlusconi e definita “criminogena” da Cantone dell’Autorità anticorruzione.

renzicarraiCon le nuove regole l’aeroporto, diventato “opera strategica”, sarebbe uscito dalle procedure ordinarie di valutazione: dichiarato di pubblica utilità, avrebbe proceduto in variante a tutta la pianificazione senza più necessitare di un progetto definitivo (ciò vuol dire che il Master Plan sarebbe stato sufficiente). Per di più la responsabilità del procedimento sarebbe passata dagli enti locali direttamente al Consiglio dei Ministri.

Ma non è finita: le nuove regole si applicherebbero anche alle opere in corso di approvazione. Inaudito.

A confronto Scaiola e Lunardi erano gentiluomini d’altri tempi.

*perUnaltracittà

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

perUnaltracitta

All'opposizione in Consiglio comunale a Firenze dal 2004 al 2014, la lista di cittadinanza perUnaltracittà è poi diventata laboratorio politico per partecipare alle vertenze sul territorio e dare voce alle realtà di movimento anche attraverso la rivista La Città invisibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *