Reintegro pieno per i lavoratori di Montedomini: una vittoria per tutti!

  • Tempo di lettura:2minuti
Stampa in pdf

Vittoria! Reintegro pieno per Cristian. Sono passati due anni e tre mesi da quanto Cristian e Olivia, due operatori nell’assistenza agli anziani, sono stati licenziati in tronco dalla cooperativa per la quale lavoravano, Agorà Toscana. Sono stati licenziati perché hanno deciso, di comune accordo con gli utenti, di gettare la pasta che – arrivata come al solito in ritardo – era divenuta scotta e immangiabile. Chiaramente l’azienda aspettava un pretesto: i lavoratori si lamentavano da tempo dei ritardi nei pagamenti, si erano iscritti ai Cobas, e in più rifiutavano di accettare gli “inviti” della dirigenza a diventare soci della cooperativa, rimettendoci in denaro e diritti.

Così la cooperativa ha deciso di dare un segnale: licenziarne due per colpirne venti, meglio se immigrati e quindi più ricattabili, incapaci di difendersi.
Sono stati due anni e tre mesi di incredulità e di rabbia: l’Azienda Servizi alla Persona Montedomini, che gestisce l’assistenza del comune di Firenze, si è schierata con la cooperativa, così come de facto la giunta Nardella, che controlla Montedomini. Anche i colleghi di Cristian e Olivia, alle prese con i soliti problemi di stipendio e di orario, terrorizzati dall’idea di fare la stessa fine, erano erano esposti all’arbitrio della cooperativa.

Sono stati due anni in cui abbiamo imparato il vero significato del Jobs Act, che è quello di permettere alle aziende di terrorizzare. Due anni in cui abbiamo capito l’essenza del sistema degli appalti, che scarica su lavoratori e utenti il taglio al servizio pubblico, mentre foraggia capi e capetti, speculatori e faccendieri del mondo delle cooperative e delle srl.

Soprattutto, due anni in cui abbiamo compreso il significato della solidarietà e della consapevolezza, sulle quali abbiamo fondato la nostra Camera Popolare del Lavoro. Per questi due anni, perché non debba accadere mai più, la nostra vittoria dev’essere una loro sconfitta, un tassello in più nella lotta e nell’unità dei lavoratori e delle lavoratrici degli appalti di Firenze.

Mercoledì 5 aprile riaccompagniamo Cristian e Olivia sul loro posto di lavoro, restituiamo la pasta scotta a Montedomini!

Appuntamento alle ore 18,30 in Via dei Pilastri 43/R

A seguire brindisi e aperitivo

SE TOCCANO UNO, TOCCANO TUTTI!
CAMERA POPOLARE DEL LAVORO DI FIRENZE, 2 aprile 2017

*Clash City Workers

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *