“Perché ho aiutato Blu a cancellare i suoi murales”. Giovedì 22 marzo a La Citè

Esattamente due anni fa, nel museo privato di Palazzo Pepoli ​a Bologna, veniva realizzata la mostra “Street Art. Banksy & Co. – L’arte allo stato urbano”, all’interno della quale furono inclusi “gli strappi” di alcuni storici pezzi di Street Art.

Fra i murales ​”​staccati​” dai muri​ ed esposti in mostra ce n’erano alcuni di Blu, street artist di fama mondiale, al quale nessuno aveva ​chiesto cosa pensasse del fatto che i suoi dipinti fossero stati forzatamente asportati dai contesti “pubblici” nei quali erano stati creati​,​ per entrare a far parte di una mostra “privata”.

​In segno di totale disaccordo con l’operazione che si stava perpetrando, ​pochi giorni prima dell’inaugurazione Blu decise di cancellare tutti i suoi murales dai muri di Bologna, coprendoli con uno spesso strato di vernice grigia e lanciando un chiaro messaggio artistico, politico e sociale, contro un gesto che considerava ingiusto.

In pochi minuti quel messaggio avrebbe fatto il giro del mondo, e tutt’ora se ne dibatte…

Che cos’è l’arte di strada​​? A chi appartiene?​ ​Che​ ​senso ​possono avere le mostre dedicate a questa forma artistica​?

Le motivazioni di coloro che hanno aiutato BLU a coprire i suoi murales, la presa di parola diretta di artisti, attivisti e cittadini, in definitiva la storia di quei giorni convulsi è stata raccontata in un fumetto, pubblicato sul sito web graphic-news.com nelle ore immediatamente successive a quell’azione collettiva, ed ora riproposto in versione cartacea in un albo spillato.

Giovedì 22 marzo a La Citè – Borgo San Frediano, 20/r – alle ore 18 incontro con Tomaso Montanari, storico dell’arte, e con David Biagioni e Federico Mazzoleni, autori del fumetto “Perché ho aiutato Blu a cancellare i suoi murales”.

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo

Also published on Medium.

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *