Corruzione nelle aziende partecipate dai Comuni, ecco come funziona

Stampa l'articolo

Se volete capire come funziona la corruzione nelle aziende partecipate dai Comuni e magari cercate con il lanternino un giornalismo che non si fa comprare, scoprite l’inchiesta di Fanpage.it sulla Società Estense Servizi Ambientali, l’azienda dei rifiuti partecipata al 51% del Comune di Este (PD) e che ogni anno fa utili per otto milioni di euro in un Comune con più di 16 mila abitanti. Una miniera d’oro che stimola tanti appetiti tra i quali, naturalmente, non potevano mancare quello della ‘ndrangheta e della cattiva politica.

Un frame dell’inchiesta di Fanpage.it

L’azienda municipalizzata genera compost in quantità industriale che puzza, inquina i terreni agricoli e risulta essere un prodotto per niente ecologico ma ricco di metalli pesanti, idrocarburi, plastiche. Come sempre capita in un paese normale i cittadini, organizzati in comitati, chiedono aiuto alle istituzioni ma vengono ignorati (nel servizio scoprirete perché).

Coinvolgono anche i giornalisti. Ma con poco successo, limitato a qualche uscita sulla stampa locale. Fino a quando un giorno dello scorso anno il team di inchiesta Blackstairs li ascolta, verifica le loro parole e produce per Fanpage.it il video che vi proponiamo qui sotto.

Oltre a dimostrare che le tante segnalazioni sono vere il servizio mette in evidenza la contiguità, la connivenze, il malaffare, il groviglio armonioso che sussiste tra gli amministratori pubblici e gli imprenditori. Un legame, quest’ultimo, in grado di produrre profitti a discapito della salute delle persone che vivono a valle di uno dei più bei territori del nostro paese, i Colli Euganei.

Per tacitare le evidenze sollevate la SESA offre trecentomila euro a Fanpage.it. Una testata con la schiena dritta che registra le proposte di “sponsorizzazione”, non si fa comprare e denuncia pubblicamente tutto. Questa inchiesta vorremmo fosse mostrata alle nuove generazioni di giornalisti, sempre che riescano poi a trovare lavoro fuori dal mainstream, magari nella redazione di Fanpage.it o in una delle tante piccole e coraggiose testate che rinunciano volentieri a 300.000 euro per tenere fede alla loro missione di controllo del potere.

Buona visione.

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa l'articolo
The following two tabs change content below.
Cristiano Lucchi
Cristiano Lucchi, giornalista e mediattivista, ha fondato e diretto l’Altracittà – giornale della periferia. Ha pubblicato “Autopsia della politica italiana” (2011), “L’imbroglio energetico” (2012), “Il Laboratorio per la Democrazia. La politica dal basso” (2012). È un attivista di perUnaltracittà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *