Giochi d’acqua, bene comune

Lo slogan della campagna elettorale era: Giochi d’acqua, bene comune. Basta rigagnoli, tutti i fiumi come l’Arno!

Una colossale planimetria, affissa sul ponte Vecchio, pubblicizzava il grande progetto territoriale che l’aspirante presidente poteva osservare comodamente dalle amate rive arnine. Il progetto coinvolgeva tutti i bacini idrografici toscani: i corsi di Serchio, Arno e Ombrone vennero ridisegnati.

Nell’entroterra livornese, Stagno tornava l’acquitrino che fu. Solo un’isola di pochi ettari affiorava sul pelo dell’acqua: avrebbe ospitato il mega inceneritore con le sue imponenti ciminiere. L’effetto notturno di fumi tossici e fiamme, riflesse sulla laguna, avrebbe richiamato in Toscana i turisti spariti per via del virus.

A Lucca, il Serchio deviato verso Antraccoli risolveva l’annosa questione della tangenziale. I lucchesi potevano attraversare le Sei Miglia in barchino e rientrare in città direttamente per la via del Fosso, dove si tornava a fare i bagni.

Intorno a Firenze, il Mensola trasformato in aquapark era di complemento ai nuovi mega impianti sportivi di Bagno a Ripoli. Il Mugnone, deviato, ripercorreva l’antico letto fino a piazza Brunelleschi fino a colmare il nuovo parcheggio sotterraneo: il comitato che contro di esso si era battuto, gioiva per il ritorno dell’acqua in città.

Il progetto di demolizione dello stadio Franchi, e la sua sostituzione con un museo delle cere, si sposava con la prevista colmata dell’Affrico nel Campo di Marte. Una vasta distesa d’acqua utile alla balneazione – attrezzata con acquascivoli diritti e girevoli, flowrider e piattaforme per i tuffi – avrebbe lambito il Palasport e liberato l’area dalla scomoda presenza dei tifosi di calcio e del mercatino rionale. Soluzione ottimale per l’aspirante governatore che vi prevedeva feste d’acqua e mega party, una volta a settimana.

 

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Atena Poliade

Atena Poliade

Osserva le città, le narra, vi lotta
Atena Poliade

Ultimi post di Atena Poliade (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *