Florence, the Wheel New Deal

Nella città depressa dalla crisi sanitaria che aveva sconvolto l’Europa, il primo cittadino di Firenze si spremeva le meningi per tirare su il morale degli abitanti piuttosto abbacchiati dal lockdown.

«Basta con queste facce lunghe» fu il primo ed unico punto all’ordine del giorno della riunione di giunta in palazzo comunale.

«Eureka! ho trovato! Stavolta l’idea l’ho avuta io, prima del geniale governatore regionale!!!» urla il sindaco. «Sì, faremo una ruota panoramica: lock-down look-up! Lock, look… che assonanza…» Le rotelle girano: «Poi, ruota, in inglese, è wheel… very nice: la città si avvia decisamente nell’implementazione del Wheel New Deal! È meraviglioso, stavolta sfondiamo a livello mondiale, ci scommetto».

Il mega-assessore all’urbanistica, turismo, economia, agricoltura, sanità etc. è tutto orecchi e approva tentennando la testa. «Un ottimo slogan davvero, lo inseriamo nel piano regolatore! Sì, proprio roba da urbanisti, c’è da costruire, da svendere e comprare; sì ottimo, intravedo già gli investimenti esteri, sarà fatto».

La ruota fu costruita al centro di un innovativo e panoramico “parco dei distanziamenti” al piazzale Michelangelo. Al Lockdown-Lookup Park si entrava da soli, neanche la regola dei congiunti era valida, troppa la paura dei contagi.

Da San Miniato, le montagne russe monoposto raggiungevano porta San Niccolò; l’autoscontro fu scartato (non piacque al sindaco l’idea della calotta di plexiglas sulle vetture); il calcio-in-culo ebbe tre sole postazioni ben distanziate; al tiro al piattello si spianavano fucili sanificati. Fu un divertimento da matti.

Il clou fu tuttavia la ruota. Rimase in funzione a imperitura memoria della nuova fase economica tutta basata sui proventi dei biglietti del Lockdown-Lookup Park, delle caramelle e dei panini da asporto, delle bibite dei distributori automatici.

Il Wheel New Deal valse al primo cittadino la nomina di Eurosindaco. Le città europee ne furono lunsingate.

*Atena Poliade

 

 

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Atena Poliade

Atena Poliade

Osserva le città, le narra, vi lotta
Atena Poliade

Ultimi post di Atena Poliade (vedi tutti)

Una risposta

  1. Avatar Angelo M. Cirasino ha detto:

    Ma all’Eurosindaco questo successo non bastava: decise così di salire personalmente sulla ruota panoramica, per mostrare a tutti quale fosse il corretto posizionamento in altezza fra amministratori e amministrati. Arrivato in cima, però, si innamorò perdutamente di quella prospettiva e chiese all’operatore (un ex-fonditore della Nuovo Pignone a lui legato da oscuri rapporti di comparanza) di fermarla; ben contento della richiesta, questi ottemperò, scordandosi poi (deliberatamente, a detta dei più maligni) di riattivare la ruota perché il malcapitato, nel frattempo nominato Sindaco Intercontinentale, potesse scendere. Ed è ancora lì a dirigere le sorti del mondo intero, di cui proprio pochi giorni or sono è stato nominato Sindaco; solo che nessuno lo sa. Disperazione fra gli stakeholders.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *